Al via il CSI5* di San Patrignano

Sono 47 i cavalieri iscritti, con al seguito 123 cavalli, in rappresentanza di 19 nazioni: Argentina, Australia, Austria, Belgio, Brasile, Bulgaria, Canada; Egitto, Francia; Germania, Gran Bretagna; Irlanda, Italia. Olanda, Norvegia, Portogallo, Russia, Svizzera, Stati Uniti.

Spiccano, tra gli altri, i nomi di ben 6 dei primi 10 del seeding mondiale: la n.2 Meredith Mihaels-Beerbaum (GER), il n°3 Eric Lamaze (CAN), il n° 5 Ludger Beerbaum (GER), la n° 6 Edwina Alexander (AUSL), Daniel Deusser (GER) e Albert Zoer (NED). Con loro affronteranno i percorsi posti sul campo gara di San Patrignano, dal direttore di campo, lo svizzero Rolf Ludi, anche campioni del calibro del brasiliano Rodrigo Pessoa (n°25) dello statunitense Richard Spooner (n° 13), degli olandesi Gerco Schroeder (n°20) e, Harry Smolders (n°19), lo scorso anno vincitore proprio del Gran Premio di San Patrignano.

Nutrita la compagine italiana: Piergiorgio Bucci, Natale Chiaudani, Giuseppe D’Onofrio, Juan Carlos Garcia, Gianni Govoni, Gabriele Grassi, Giovanni Magaton, Giulia Marquet Martinengo, Luca Marziani e Valentina Interlenghi, l’amazzone cha quest’anno porta in gara i giovani cavalli dell’allevamento della comunità

Il CSI5* Challenge Vincenzo Muccioli si conferma dunque come uno degli appuntamenti più attesi e prestigiosi del circuito dell’equitazione internazionale, forte anche del montepremi di 350 mila euro, dei quali 200 mila riservati al Gran Premio Uliveto di domenica sera, gara conclusiva della manifestazione.

L’evento sarà seguito dal canale sportivo della RAI, Raisport Più (digitale terrestre e satellite). Primo appuntamento venerdì 17 luglio, con la gara sponsorizzata dall’APT dell’Emilia Romagna, diretta a partire dalle 20.30; nuovo appuntamento dalle 18.30 alle 20.15 di sabato 18 luglio, con il Premio Tamoil. Mentre domenica 19 luglio, il Gran Premio Acqua Uliveto andrà in diretta a partire dalle 22.30.

“Questo concorso è l’unica manifestazione nell’intero panorama dello sport professionistico mondiale a svolgersi in una comunità di recupero dalla droga – spiega Andrea Muccioli, responsabile della comunità – i grandi cavalieri arrivano a San Patrignano anche perché apprezzano e conoscono la nostra missione: accogliere e recuperare ad un vita libera dalla droga.”

“San Patrignano è la dimostrazione concreta che la tossicodipendenza non è una malattia cronica, ma un disagio educativo che può essere affrontato e superato – continua Muccioli – e il CSI5* ci consente di comunicare in tutto il mondo questa realtà.”

Mentre Eleonora Ottaviani, da sempre show director del concorso di Sanpa, sottolinea novità organizzative e tecniche: “Da questo anno in campo con noi abbiamo anche Rolex, un marchio impegnato solo nei grandi eventi dello sport internazionale. Nei tre giorni di gara potremmo vedere all’opera molti dei più forti cavalli del mondo: Hickstead montato da Eric Lamaze, Shutterfly e Meredith Michaels-Beerbaum, oppure Sam e Albert Zoer, Cristallo con in sella Richard Spooner o Coupe De Coeur il nuovo soggetto di punta di Ludger Beerbaum.

comunicati