In alto i calici

Mercoledì 18 luglio tutti i ragazzi di San Patrignano, riuniti nella sala da pranzo della comunità, hanno assistito alla cerimonia di consegna dei diplomi di sommelier a 25 di loro. A consegnare gli attestati rilasciati dall’ A.I.S. (Associazione Italiana Sommelier) è stato Giancarlo Mondini (Presidente A.I.S. Romagna), al suo Fianco Daniela Scrobogna e Massimo Biletto dell’AIS di Roma, i quali hanno accompagnato con entusiasmo e amicizia i neo sommelier di San Patrignano durante tutto il periodo di preparazione all’esame e mettendoli nelle condizioni di superare con successo la prova.

Per i 25 è stata una grande soddisfazione e il completamento di un percorso di conoscenza del vino, delle sue qualità, della sua storia e della sua cultura. Un percorso che trova piena corrispondenza con il significato e il valore sociale e culturale che San Patrignano riserva alla vite e al suo prodotto principe.
Senza dimenticare, naturalmente, il valore professionale di tale diploma. Uno strumento in grado di aiutare a trovare una valida occupazione, una volta terminato il proprio percorso di recupero dalla droga.

Al termine della cerimonia i ragazzi diplomati hanno voluto ringraziare tutti i loro maestri “di vite”. Non solo la mitica Daniela Scrobogna e Massimo Billetto, ma anche Luciano Mallozzi, Daniele Maestri, Claudia Ferrero, Alessandro Scorsone e Edoardo Campisi. Per l’entusiasmo, la passione, il coinvolgimento e la grande umanità con cui hanno affrontato l’insegnamento in questo corso, a tutti loro va il sincero ringraziamento di San Patrignano.