Amico cane

Amico Cane San Patrignano

Ogni cane ha la sua dieta, scritta e conservata in un archivio speciale che contiene le schede di tutti gli esemplari: stalloni, fattrici, cani da esposizione, cuccioli. E quelle dei nuovi ospiti, accompagnati dai padroni in partenza per le vacanze.

L’idea della pensione per cani è nata circa tre anni fa”, spiega Gianni Fornari che coordina l’attività dell’allevamento. “Molte persone, che avevano acquistato i nostri cuccioli, ci chiedevano già da tempo di poterli portare a San Patrignano in occasione delle festività o del periodo estivo. Abbiamo iniziato con loro. E pian piano il numero delle richieste è aumentato”. Soprattutto da parte degli abitanti della zona e dei turisti in vacanza sulla riviera romagnola. “Gli stessi albergatori di Riccione hanno iniziato a collaborare con noi proponendo ai clienti il soggiorno per i loro animali presso la nostra struttura.

In effetti”, continua Fornari, “sempre più famiglie acquistano un cane, ma quando è il momento di organizzare le vacanze ecco nascere i problemi. Molti alberghi non sono attrezzati per ospitare gli animali e nei ristoranti non possono entrare. Per non parlare delle spiagge, dove si rischiano multe salate”.

Quindi non è poi così facile portare Fido in ferie. E’ per questo che il mensile Itinerari e luoghi ha lanciato un messaggio agli operatori turistici perché offrano pacchetti vacanza ‘cane incluso’ e Legambiente ha chiesto alle Regioni programmi specifici che spingano gli albergatori ad accettare gli amici a quattro zampe portati dai clienti. Molti capoluoghi italiani si stanno, comunque, impegnando nel rispetto e nella cura degli animali d’affezione: “Il nostro Paese”, evidenzia Legambiente, “è, però, diviso in due: da una parte il Nord attento a dotarsi di tutti quei servizi necessari a garantire la buona convivenza tra cittadini e animali; dall’altra un Sud ancora distratto ed insensibile alla cultura animalista”.

Ci sono città che oltre a rispettare gli obblighi di legge, come l’anagrafe canina o il controllo delle colonie feline, promuovono iniziative facoltative, soprattutto campagne di sensibilizzazione per arginare il fenomeno dell’abbandono. “Le più attive sono dieci”, precisano a Legambiente. Tre in Emilia Romagna: Bologna, Ferrara e Rimini. “Purtroppo, però, nella nostra provincia”, sottolinea il responsabile dell’allevamento di San Patrignano, “sono ancora troppo poche le strutture in grado di ospitare gli animali e le pensioni per cani. Questo è il grosso problema. Il nostro obiettivo”, continua, “è proprio quello di fornire un servizio al territorio per offrire ai proprietari di cani un’alternativa in più”.

I box a disposizione sono ottanta. “Tutti riscaldati e disinfettati quattro o cinque volte al giorno mediante uno speciale impianto elettrico. All’interno di questi spazi i cani soggiornano di notte, oppure in caso di maltempo”. Altrimenti per Fido giornate all’aria aperta. “Teniamo il più possibile gli animali nei recinti in erba che circondano l’allevamento. In tutto sono quaranta, di varie dimensioni (il più piccolo misura 35 metri per otto) e pendenze a seconda del periodo di crescita e di sviluppo dell’animale”.

Ma la struttura di San Patrignano comprende anche una stanza per la toelettatura, un ambulatorio veterinario con sala operatoria per i piccoli interventi e sala parto, un magazzino per il deposito degli alimenti e delle merci di consumo giornaliero e la cucina.

Siamo in sedici ad occuparci di tutti i cani dell’allevamento e dell’organizzazione della struttura con l’aiuto di un tolettatore e un veterinario”. Persone che agli animali offrono un’assistenza completa: disponibilità 24 ore su 24, diete differenziate a seconda delle abitudini, cure mediche, corsi di addestramento di base con metodo naturale, gestiti da esperti del comportamento con la collaborazione degli stessi ragazzi della comunità.

“Affiancare i vari professionisti per loro è importante. Imparano l’addestramento di base – andare al guinzaglio in modo corretto, obbedire ai vari comandi -, e quello più specifico, riservato ad alcuni dei nostri esemplari che partecipano alle esposizioni nazionali ed internazionali; apprendono tutte le tecniche di toelettatura, anche le più complesse, come la ‘strippatura’ fatta a mano. Inoltre, grazie al servizio di pensione che offriamo, acquisiscono le conoscenze necessarie per occuparsi non solo dei cani del nostro allevamento, riesenschnauzer e labrador, ma anche di altre razze che richiedono cure e trattamenti diversi”.

Insomma, i ragazzi acquistano una formazione professionale d’avanguardia nelle specializzazioni del settore in grado di offrire alla persona gli strumenti per un pieno ed effettivo reinserimento sociale e nel mondo del lavoro.

“In oltre vent’anni, tanti di loro hanno terminato con successo il percorso di recupero grazie al rapporto con gli animali, fondamentale per riscoprire le proprie emozioni, i propri sentimenti, per superare le difficoltà di relazione interpersonale tipiche della tossicodipendenza. E, soprattutto, per sviluppare fiducia in se stessi e apprendere ed interiorizzare il senso di responsabilità”.

Ognuna delle attività, anche quelle apparentemente normali e di routine, sono orientate a creare le condizioni necessarie all’incontro, alla conoscenza e, quindi, al rapporto tra la persona e il cane. “Che si consolida ogni giorno, attraverso la cura e la pulizia di tutti gli spazi e l’attenzione continua per le esigenze e i bisogni di ogni singolo animale. Assistere ai parti è, comunque, per i ragazzi uno dei momenti più importanti. A turno nei primi dieci giorni, rimangono al fianco della mamma e dei suoi cuccioli, 24 ore su 24. Si preoccupano di mantenere la giusta temperatura nell’ambiente che, nelle prime due settimane, non deve mai andare sotto i trenta gradi, controllano che la dieta della mamma sia equilibrata, alimentano i piccoli con latte artificiale, quando non riescono a nutrirsi adeguatamente”. Alcuni dei ragazzi continueranno ad occuparsi di quei cuccioli. Perché ognuno, nell’allevamento di San Patrignano, ha un cane tutto ‘suo’.

Scopri di più su www.sanpadogs.it