Banca Intesa sostiene la formazione nella pelletteria per San Patrignano

Diventare maestri di pelletteria, recuperando le tecniche del vero artigianato italiano. E’ il cuore del progetto finanziato da Banca Intesa per dieci ragazze ed un un ragazzo di San Patrignano.

Il percorso formativo si è dipanato da febbraio ad agosto di quest’anno, strutturato in sette moduli al fine di includere aspetti differenti della professione.

Il progetto, finanziato da Banca Intesa, si è posto come obiettivo primario la trasmissione di competenze specifiche per esperti di accessori d’abbigliamento in pelle, cuoio e pelliccia.
Finalità ultima è stata il raggiungimento di un duplice risultato: tramandare tecniche artigianali e completare la maturazione professionale del gruppo di ragazzi in percorso.

Nelle attività pratiche attinenti allo sviluppo del prodotto, una prima parte delle lezioni ha approfondito la conoscenza delle fasi di lavoro e dei principali macchinari e attrezzature. In seguito si è passati alle riflessioni di carattere gestionale ed economico della produzione, per capire cosa comporta l’idea di un modello in termini di tempi di lavorazione e costi.

Lavorando su una serie di prototipi, dalla creazione del modello si è arrivati, passando per il taglio, alla realizzazione e al confezionamento finale. Questo ha permesso di comprendere il ciclo di produzione completo, dalla programmazione dei quantitativi, ai tempi di lavorazione e alla stima dei costi.

Imparare al meglio una professione è una grande opportunità che San Patrignano da sempre offre ai ragazzi ospiti attraverso i tanti settori di formazione.
E’ attraverso il lavoro quotidiano infatti che ogni ragazzo può mettersi in gioco affrontando i propri limiti e scoprendo o ritrovando le proprie potenzialità.