La campagna di prevenzione di San Patrignano a Reggio Emilia

Il 6 marzo prosegue il viaggio di Wefree, la campagna di prevenzione della Comunità, che si sviluppa ogni anno per l’intera durata del periodo scolastico in tutta Italia, con dibatti e confronti all’interno delle scuole medie e degli istituti superiori.
Giovedì 6 marzo, in due incontri al mattino, alcuni ragazzi al termine del percorso in Comunità racconteranno le loro storie agli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “L. Nobili” di Reggio Emilia, con l’obiettivo di trasmettere la pericolosità delle sostanze stupefacenti e condividere un passato doloroso.

A parlare con gli studenti dell’istituto saranno Nicolò, Alessio, Petra, di nuovo padroni della loro vita, dopo sbagli e sofferenze. «Non è sempre facile raccontarsi – dice Nicolò – ma attraverso il progetto Wefree proviamo a trasmettere la nostra esperienza perché non vogliamo che altri commettano i nostri stessi errori.
Il racconto dei ragazzi di San Patrignano crea un dialogo speciale con gli studenti, un passaggio di esperienze che può aiutare a comprendere la falsa illusione venduta dalla droga e a condividere le insicurezze e le incertezze che ogni adolescente sperimenta.
In un’ottica educazionale “peer to peer”, dal 2002, i format di prevenzione inseriti nel progetto WeFree si sono sviluppati in oltre 400 tappe sul territorio, con la partecipazione e il coinvolgimento attivo di più di 230 mila studenti nelle scuole medie e superiori.
Il dialogo può proseguire anche sul web grazie al sito www.wefree.it.

Ufficio stampa San Patrignano
pressoffice@sanpatrignano.org comunicati