Charity dinner per San Patrignano a Montecarlo. Serata gourmet con i prodotti di filiera della comunità

Iniziativa dell’ambasciatrice Marchesa Maria Ghilla di Canossa con la partecipazione di Francesca Zanconato Scaroni vice presidente della Fondazione

Dalla collina che guarda il mare, alla baia del Principato di Monaco. Per la prima volta San Patrignano è stata protagonista di una charity dinner a Montecarlo, lo scorso 6 giugno presso l’Hotel Méridien Beach Plaza di Monaco. Un’iniziativa che lega il sostegno alla comunità alla promozione dei prodotti nati all’interno della filiera enogastronomica presente a San Patrignano. Sapori artigianali di un territorio ricco di gusto che rivelano tutto l’impegno e la passione dei ragazzi ospiti della struttura di recupero.

Durante la serata è stato possibile conoscere le tante attività della comunità, rappresentata dalla vicepresidente della Fondazione San Patrignano, Francesca Zanconato Scaroni, dal presidente della cooperativa agricola Roberto Bezzi e da Daniel, un giovane sudafricano che a breve tornerà a casa con un bagaglio di esperienza e formazione nell’arte della vera pizza italiana, professione che ha potuto imparare durante il suo percorso in Comunità.

La charity dinner è un’iniziativa della marchesa Maria Ghilla di Canossa nominata di recente ambasciatrice di San Patrignano, ruolo che si traduce nel divulgarne la mission contestualmente al promuovere occasioni di sostegno e raccolta fondi a favore del centro di recupero, da sempre gratuito per i ragazzi e le loro famiglie.

La cena gourmet ha consentito ai partecipanti di degustare formaggi, salumi e vini provenienti a marchio “Buono due volte – San Patrignano” seguiti da un menù  ideato dallo chef Laurent Colin e una tombola con in palio tanti premi provenienti dai laboratori di artigianato artistico della Comunità.

San Patrignano

San Patrignano è una casa, una grande famiglia che da 40 anni offre aiuto a giovani con problemi di tossicodipendenza. Fondata da Vincenzo Muccioli nel 1978, ha accolto oltre 26.000 persone donando loro una casa, assistenza sanitaria e legale, la possibilità di studiare e di imparare un mestiere, cambiando vita e rientrando a pieno titolo nella società. Il tutto gratuitamente, senza oneri né per lo Stato né per le famiglie. A San Patrignano sono attualmente presenti 1300 ospiti; è un modello di impresa sociale, conquistato con dura dedizione e con tanta volontà da migliaia di ragazzi che lì hanno ritrovato dignità e rispetto per se stessi. San Patrignano crea per ogni ragazzo l’opportunità di scegliere, tra diverse possibilità di formazione, la più vicina alle proprie attitudini. Il modello di recupero passa attraverso un percorso educativo, fondato sul riconoscimento di valori universali. Nella mission di San Patrignano accanto a recupero e formazione c’è la prevenzione, progetto rinnovato annualmente che raggiunge oltre 50mila studenti di tutta Italia attraverso visite, incontri, spettacoli.