Al via Domani il Positive Economy Forum San Patrignano

Fra i relatori della prima giornata il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini
il presidente Rai Anna Maria Tarantola e l’Alto rappresentante Onu Hanifa Mezoui

Nel programma della seconda edizione dell’evento internazionale
anche tre appuntamenti speciali con Diego Della Valle, Gunter Pauli e Bineta Diop

Si apre domani nella sede della Comunità San Patrignano sulle colline della provincia di Rimini la seconda edizione del Positive Economy Forum, due giorni di conferenze e dibattiti con 50 prestigiosi relatori internazionali per riflettere intorno ad un nuovo modello economico al servizio delle generazioni future.
Nel fitto programma di conferenze, anche tre appuntamenti speciali con personalità di grande carisma: stasera la cena inaugurale con la partecipazione di Gunter Pauli, l’economista belga iniziatore della “blue economy”, domani la serata conviviale con Diego Della Valle, presidente e AD Tod’s e Hogan, che cenerà assieme ai ragazzi della Comunità che poi incontreranno Bineta Diop, Fondatrice di Femmes Africa Solidaritè, Inviato speciale Donne, pace e sicurezza del Presidente della Commissione dell’Unione africana, con la proiezione del biopic a lei dedicato.
Per sopravvenuti impegni istituzionali non potrà essere invece presente, nella giornata di venerdì 10, il ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi.

La prima giornata del Positive Economy Forum inizierà domani mattina alle 8.30 con il discorso di benvenuto dei promotori dell’iniziativa: Letizia Moratti, co-fondatrice della Fondazione San Patrignano; Jacques Attali, presidente di PlaNet Finance Group e del Positive Economy Forum. Porterà il proprio saluto Andrea Gnassi, sindaco di Rimini.

I lavori apriranno alle 9 con la lectio magistralis di Hanifa Mezoui, Alto rappresentante Onu per l’Alleanza delle civiltà. A seguire, alle 9.30 la sessione inaugurale del Forum, dedicata al follow-up delle raccomandazioni formulate a conclusione della prima edizione, tenuta nel giugno 2014. Interverranno Letizia Moratti, Jacques Attali e Mario Baccini, presidente dell’Ente nazionale per il microcredito.

Alle 11 riflettori sulla finanza positiva. Si parlerà di indicatori della positività dell’economia con Cédric Baecher, Fondatore di Nomadéis, con l’amministratore delegato di Banca Esperia Andrea Cingoli e con Catherine Howarth, CEO di ShareAction, organizzazione per gli investimenti responsabili.

Alle 12 inizierà la sessione sulle organizzazioni positive. Modelli di aziende positive verranno illustrati da Alexandre Jost, fondatore di La Fabrique Spinoza, think tank dedicato alla dedicato alla felicità dei cittadini e al benessere sul lavoro; Alberto Frausin, CEO di Carlsberg Italia; Eric Brac de la Perrière, fondatore di Eco-Emballages.

Alle 14 focus sul lavoro positivo. Interverranno Marco Nannini, CEO del laboratorio di innovazione Impact Hub Milano; Agostino Santoni, CEO di Cisco Italia; Marci Alboher, autrice di «One person, multiple careers».

La governance aziendale positiva sarà il tema del dibattito delle 15, che vedrà confrontarsi Jean-Sebastien Decaux, CEO di JC Decaux sud Europa, azienda leader nell’advertising outdoor; Philippe Peuch-Lestrade, consigliere di PlaNet Finance Group; Anna Zegna, presidente della Fondazione Zegna.

Il pomeriggio riprenderà con la sessione sulla società positiva. Dibatteranno di cittadinanza positiva il presidente della riminese Banca Carim, Sido Bonfatti; Anna Maria Tarantola, presidente Rai; Lea Peersman-Pujol, direttore dell’innovazione alla Essec Business School.

Alle 17.30 la presentazione delle conclusioni dei workshop a porte chiuse, dedicati a professionisti ed esperti, tenuti a corollario del Forum. Donato Iacovone, CEO di EY Italia illustrerà «Family Businesses: il lungo periodo come elemento naturale del capitale paziente”, mentre Riccardo Graziano, Segretario generale dell’Ente nazionale per il microcredito, approfondirà “Microcredito per un’economia positiva”. Stefano Paleari, presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, presenterà “L’Università positiva del 21° secolo”.

La prima giornata chiuderà con il dibattito “Imparare nel XXI secolo: una nuova vision”, che vedrà intervenire il ministro dell’Istruzione, università e ricerca Stefania Giannini, il direttore del parigino Centre de recherches interdisciplinaires Francois Taddei, e Michel Saloff-Coste del Copenaghen Institute for Future Studies.

Promosso da San Patrignano e PlaNet Finance Group, organizzazione internazionale dedicata alla lotta contro la povertà fondata da Jacques Attali e Arnaud Ventura, il Positive Economy Forum San Patrignano è parte del più ampio “Movimento per l’economia positiva” fondato da Jacques Attali e Arnaud Ventura per diffondere un nuovo modello economico che si preoccupi dell’interesse delle generazioni future e per condividere esperienze e riflessioni a livello internazionale. Il Forum è per l’Italia il momento di riflessione intorno al tema di un’economia al servizio della società, che promuove una crescita responsabile, sostenibile e inclusiva, nel rispetto dell’uomo e del pianeta