Un dono di gusto carioca ai ragazzi di San Patrignano

Ancora una volta la cucina dimostra di essere un linguaggio universale, capace di unire le estremità del mondo. Dopo il felice esperimento dello scorso anno, gli amici di ARCAH, charity brasiliana vicina ai valori di San Patrignano, hanno voluto donare oggi ai 1300 ragazzi della Comunità un menù tutto carioca. Filipe Sabara, fondatore della onlus, insieme a un gruppo di collaboratori ha elaborato un pranzo composto da tre piatti con l’aiuto dei ragazzi della cucina. Ricette dal gusto esotico, dall’antipasto al dolce, accolte con gioia dagli ospiti di San Patrignano che hanno voluto ringraziare simbolicamente gli amici brasiliani con un grande applauso a fine pranzo.

La charity ARCAH, il cui nome per esteso è Associazione contro l’emarginazione e per l’amore verso l’umanità, è costituita da giovani brasiliani che hanno il desiderio di aiutare il prossimo in difficoltà. Attualmente il progetto affianca ad attività di carattere umanitario e ambientale anche la gestione di una struttura di recupero simile a San Patrignano che accoglie circa 60 persone a breve distanza da San Paolo. La delegazione si tratterrà in Comunità per tutta la settimana, tra le iniziative previste anche una conferenza sulla permacultura, metodo per progettare e gestire paesaggi antropizzati – cioè fattorie, coltivazioni e allevamenti in generale – in modo che siano in grado di soddisfare bisogni della popolazione quali cibo, fibre ed energia e al contempo presentino la capacità di adattamento e di superamento degli eventi traumatici, ricchezza e stabilità di ecosistemi naturali.

Oltre ad essere il fondatore di ARCAH, Filipe Sabara è fautore di un nuovo approccio ispirato all’economia positiva con il suo programma “Reload Positive”. Una trasformazione dal basso che pone il consumatore consapevole al centro, rompendo con il vecchio modello di mercato per fondare un sistema dove la collettività diviene elemento attivo e propositivo.

Gallery Guarda le foto