Facebook, no alla marijuana

Lapidaria la dichiarazione rilasciata al Los Angeles Times da Annie Ta, portavoce di Facebook: “Le nostre politiche proibiscono la promozione pagata di contenuti illegali. La legge vieta gli spot sul tabacco. Non dice niente di specifico sull’armamentario legato alla droga, ma indica che gli spot non possono contenere o promuovere contenuti illegali o attività illecite”.
Una questione non solo di forma, ma anche di sostanza. La proposta di legalizzare alcune attività legate alla marijuana (la cosiddetta Proposition 19) è infatti uno dei temi caldi delle votazioni del 2 novembre in California.

in_evidenza