Fine vendemmia, grande festa a San Patrignano

festa Vendemmia a San Patrignano 2016

Premiate imprenditrici vitivinicole che hanno contribuito alla formazione dei ragazzi della Comunità

Tutta San Patrignano martedì 1 novembre ha celebrato il rito di fine vendemmia nel grande salone della Comunità.

Le uve degli oltre cento ettari vitati sono state raccolte e d’ora in avanti la cantina farà il resto del lavoro per ottenere i vini che venduti, insieme ai prodotti della filiera agroalimentare corta, contribuiscono al finanziamento del centro di recupero, da sempre gratuito per tutti i ragazzi ospiti.

La festa ha inteso premiare l’impegno comune e la passione nel fare le cose dei 1300 ragazzi di San Patrignano. La forte unione che in comunità genera senso di appartenenza ha avvicinato da tempo alcune imprenditrici del mondo del vino italiano: Marina Cvetic della cantina Masciarelli, Simona Natale – Gianfranco Fino, Roberta Giuriali – Maso Martis – Elena Fucci – Elena Fucci, Elena Celli – Duemani e Dominga, Enrica e Marta Cotarella – Falesco.

A loro è andata una riconoscenza simbolo di ringraziamento per essere state al fianco

dei ragazzi della comunità contribuendo concretamente alla loro alla formazione professionale, coinvolgendo i più importanti professionisti del settore ristorativo alberghiero appartenenti all’associazione Noi di Sala in un corso per oltre 40 ragazzi la maggior parte dei quali già brillantemente reinseriti.

In occasione della Festa di Fine Vendemmia, martedì 1 novembre in sala da pranzo, la Comunità ha assegnato il premio abbracci a quattro donne che hanno sostenuto alcuni progetti formativi nella gastronomia di San Patrignano: Elena Fucci, dell’omonima ditta vitivinicola; Simona Natale, di Gianfranco Fino; Roberta Giuriali, per Maso Martis; Marina Cvetic, di Masciarelli. Premiate anche Dominga, Enrica e Marta Cotarella, dell’azienda Falesco, ed Elena Celli di Duemani, che non sono potute essere presenti alla premiazione.