Il governo Colombiano contro la coca

Il governo colombiano dice no alla commercializzazione della foglia di coca: lo dice il “Washington Post”, quotidiano nazionale stampato nella Capitale statunitense.
Alvaro Uribe è tra i pochi leader sudamericani che hanno preso una posizione forte contro il traffico di cocaina e la coltivazione di coca. Con l’aiuto del governo statunitense, il premier colombiano ha già estradato e processato più di 250 boss del narcotraffico. Inoltre ha potenziato le forze antidroga del Paese con il risultato di aumentare i sequestri di stupefacenti.

Un altro aspetto fondamentale della politica antidroga del governo colombiano è costituito dall’impegno contro i prodotti commercializzati che contengono la foglia di coca.

E’ il caso di “Coca Sek”, una bibita alla “coca” prodotta da un gruppo di indigeni che ha fatto tendenza tra i giovani colombiani ed è stata segnalata al Comitato Internazionale per il Controllo dei Narcotici della Nazioni Unite (Incb).