Il WeFree Day passa per Rimini

Il grande evento si trasforma quindi in una preziosa opportunità di crescita e divertimento per i giovani riminesi che non si sono lasciati sfuggire l’occasione di partecipare al corso. “Hanno risposto in maniera entusiasta alla proposta, – ha spiegato Alessandro Mauro, responsabile del centro di aggregazione giovanile – Avevamo già conosciuto lo scorso anno Steve al WeFree Day e i ragazzi ne erano rimasti affascinati. Quando quest’anno ci è stata proposta l’idea di collaborare con lui, non ce la siamo lasciati sfuggire”.

Per Steve Ferraris avere a che fare con degli adolescenti d’altronde non è una novità. Con il suo progetto si impegna quotidianamente a dar vita a corsi di percussione per i giovani, che attraverso la musica scoprono il piacere dello stare insieme e la bellezza del coltivare una passione. Ha lavorato con bambini a rischio nelle scuole del nord est dell’Inghilterra, dove si registrano non pochi casi di abbandono scolastico. Ogni lezione è un momento di condivisione fra i ragazzi che si conoscono e si innamorano di un modo sano di divertirsi. E’ così che imparano valori come il lavoro di gruppo e l’autodisciplina, acquisendo nel tempo stesso senso di responsabilità e autostima.

Fino a venerdì quindi una cinquantina di riminesi si divertiranno a suonare con lui, per poi accompagnarlo sabato pomeriggio a San Patrignano dove daranno prova di quanto hanno imparato. Con loro e Steve, i 2000 studenti che parteciperanno al WeFree Day.