Iniziati i WeFree Days fra le testimonianze dei ragazzi di San Patrignano e quella di Giovanna Valls, sorella del primo ministro francese

Grande successo per l’apertura dell’ottava edizione dei WeFree Days, l’evento con cui ogni anno San Patrignano dà il via alle attività di prevenzione.

Oltre 1.200 studenti hanno invaso oggi la Comunità, provenienti dalle scuole di una trentina di province da tutta Italia, dal Trentino all’Abruzzo.

Questa mattina hanno assistito a “Ragazzi Permale”, lo spettacolo che ha inaugurato i tre giorni di incontri, workshop interattivi, esperienze conferenze ed eventi che si susseguiranno fino a sabato. Lo spettacolo portato in scena dai giovani della comunità San Patrignano Damiano e Alex, guidati dal regista e attore Francesco Apolloni, ha emozionato e fatto riflettere i tanti giovani su quelle che possono essere le conseguenze di quello sballo che fra i ragazzi è considerato sempre più la normalità.

Dopo lo spettacolo, gli studenti hanno potuto incontrare e confrontarsi con personaggi dalle forti esperienze personali durante i “ForumIo”. Ad esempio l’ultrarunner riccionese Stefano Gregoretti e il pugile campione del mondo Giacobbe Fragomeni hanno raccontato come lo sport li abbia aiutati nella vita. A parlare di prevenzione e recupero invece Giorgia Benusiglio, testimonial, Gianpietro Ghidini, Fondazione Ema Pesciolino Rosso. Con loro anche Giovanna Valls , sorella del primo ministro francese Manuel Valls, uscita da una storia di tossicodipendenza: «Ho raccontato in un mio libro la mia storia di dolore di oltre 30 anni. Ciò che oggi mi è chiaro è che chi ha problemi di tossicodipendenza deve essere lui stesso in primis a lasciarsi alle spalle questo problema. Solo quando me ne sono reso conto è iniziata la mia rinascita». Oggi Giovanna porta la sua testimonianza a tanti giovani: «Cerco di fargli capire l’importanza di saper dire di no, ma anche di trasmettergli che c’è per tutti la speranza di riuscire a realizzarsi. Io in primis sono un esempio di rinascita e speranza».

Il programma di domani

Domani l’evento, sponsorizzato da Lamborghini Trattori, Fiat Chrysler Automobiles e Poligrafici Editoriale, in collaborazione con Fondazione Ania e UniCredit Foundation, si aprirà alle 10 con il forum istituzionale “Il futuro dei giovani: proposte per guardare avanti”. Con la disoccupazione giovanile al 44 per cento molti ragazzi sono costretti a cercare opportunità all’estero. Eppure, nel nostro Paese, qualcosa si sta muovendo. A confrontarsi, moderati da Stefano Muccioli, giornalista de Il Resto del Carlino, saranno Antonio Tinelli, coordinatore comitato sociale di San Patrignano, Peter Holbrook, Presidente Imprese Sociali Europee, Roberto Leonardi, Segretario Generale Fondazione Fits e Claudio Corbino, Presidente Associazione Diplomatici. A presentare concrete azioni ed attività di imprese sociali italiane, Anna Fiscale del Progetto Quid e Antonello Nakhleh, con la sua esperienza di microcredito Hello Dog di Villa Drusilla.

Per gli studenti sempre alle 10 va in scena lo spettacolo di prevenzione “Lo Specchio”, la storia vera di Melita, una giovane al termine del proprio percorso di recupero in Comunità, accompagnata da filmati, pièce teatrali e musica dal vivo, che si chiude con un commovente momento di catarsi che coinvolge tutto il pubblico in sala.

Dalle 14 i ForumIo: primo appuntamento con la giornalista e Angela Iantosca e lo scrittore Carmine Amato, seguito dall’incontro con Yousef Bartho Assidiq ex estremista islamico e fondatore dell’associazione norvegese JustUnity.

Negli spazi Experience, dalle 14 alle 17, si terrà la presentazione di alcune realtà italiane e internazionali attive in progetti rivolti ai giovani, che utilizzano l’arte, nelle sue varie forme, quale strumento di crescita e di valorizzazione delle capacità e delle passioni, coinvolgendo direttamente gli studenti nelle varie attività.