Inviti e verifiche, San Patrignano torna pian piano alla normalità

A San Patrignano riprendono le visite dei parenti alle ragazze e ai ragazzi in percorso. Allo stesso tempo gli ospiti della comunità potranno tornare a casa per effettuare le verifiche previste dal programma di recupero in vista di un loro reinserimento.

La realtà riminese torna lentamente alla normalità e informa i familiari dei ragazzi in percorso che è possibile riprendere a fare visita ai loro cari. Ovviamente, in linea con le norme, sarà posta massima attenzione alle misure di protezione per cercare ridurre al minimo il possibile rischio di contagi. Per questo motivo al momento le visite sono consentite soltanto al nucleo familiare e, per limitare i contatti fra i ragazzi in percorso e i visitatori esterni, questi ultimi non potranno entrare nei settori, né pranzare in salone.

Allo stesso tempo i ragazzi a fine percorso possono riprendere le verifiche, tornando a far visita ai loro parenti nelle città di origine in vista di un prossimo reinserimento. Per tutti coloro che andranno in verifica, al momento del rientro è previsto un periodo di isolamento di circa una settimana in apposite abitazioni all’interno della comunità e al termine saranno sottoposti a tampone. Se questo risulterà negativo, la ragazza o il ragazzo tornerà a vivere con il proprio settore.