Istanbul : Andrea Muccioli al convegno ECAD

Andrea Muccioli ha presentato il modello terapeutico di San Patrignano a una platea di oltre 250 sindaci di 27 nazioni europee riuniti a Istanbul per il secondo giorno dei lavori del 14° convegno ECAD (Associazione delle città europee contro la droga). Al centro dell’intervento l’elevata percentuale di persone reinserite nella società in condizioni drug-free. Infatti, secondo ricerche scientifiche, il 72 per cento dei ragazzi che termina il programma di recupero a San Patrignano, chiude definitivamente con ogni tipo di dipendenza.

Continuano così gli appuntamenti internazionali del responsabile di San Patrignano, aperti quest’anno dalla partecipazione al Summit dell’Impresa Sociale organizzato dalla Schwab Foundation a Zurigo, seguita dalla tre giorni del “World Economic Forum” di Davos e dagli incontri inglesi con trenta rappresentanti della Camera dei Lord e la commissione affari sociali della Camera dei Comuni.

“In tutta Europa è in atto un importante dibattito su quali sono le politiche sociali più efficaci contro la droga – spiega Muccioli – dopo vent’anni di riduzione del danno il fallimento di questi interventi è evidente. Il consumo di droga e il numero dei tossicodipendenti sono in aumento ovunque. Per questo è forte, da parte di molte Istituzioni del nostro continente, l’interesse nei confronti del nostro modello.”

Al meeting ha partecipato il vice segretario generale delle Nazioni Unite e direttore esecutivo dell’ufficio ONU contro la droga e il crimine (UNODC) Antonio Maria Costa, il quale ha chiesto, a Sindaci e politici riuniti ad Istanbul di introdurre nei rispettivi Paesi test antidroga per chi guida o svolge professioni a rischio e di elevata responsabilità sociale.
“Facciamo test sull’alcol per chi guida, possiamo farlo anche per le droghe – ha detto Costa – l’opinione pubblica si sta accorgendo che c’è gente che guida auto, mezzi pubblici, macchinari pesanti o addirittura aeroplani, mentre è sotto l’effetto degli stupefacenti.”

Costa ha quindi concluso complimentandosi con le nazioni che hanno adottato questi test: USA, Australia e Gran Bretagna. Controlli previsti anche dalle normative italiane emanate nel 1990 dal Ministero del lavoro e rivolte a chi ricopre mansioni che comportano rischi per la salute e l’incolumità di altre persone. Ma mai applicate, in attesa del parere del garante della privacy e per paura d’ingerenze nella sfera individuale e nella vita privata dei lavoratori.

_____________________
Che cos’è Ecad?
ECAD, European Cities Against Drugs, è un’associazione che raccoglie l’impegno antidroga di 250 città di 30 nazioni europee.
Le città aderenti a Ecad promuovono lo sviluppo di iniziative che mirano a combattere l’uso di droga. Sostengono le convenzioni delle Nazioni Unite che si oppongono alla legalizzazione delle sostanze stupefacenti e promuovono politiche per estirpare il problema della droga in tutto il mondo.