Iulm e Sanpa: è ancora master

Dopo gli ottimi risultati ottenuti con la prima edizione, la Scuola di Comunicazione IULM ha lanciato, con la Comunità di San Patrignano, la II° edizione del Master in Comunicazione e strategie d’intervento nelle tossicodipendenze, unico in Italia volto a fornire le conoscenze e le competenze necessarie per svolgere attività di pianificazione, organizzazione e coordinamento dei progetti e delle risorse per la prevenzione e il contrasto delle tossicodipendenze.

“L’aumento del consumo di stupefacenti è un dato costante riportato da tutti gli osservatori nazionali e internazionali. Si drogano un numero sempre più grande di persone e in quantità sempre maggiori, – spiega Andrea Muccioli, responsabile di San Patrignano. – In questa situazione, il progetto con la Scuola di Comunicazione IULM acquista ancora più valore. Abbiamo bisogno di operatori sociali che conoscano bene il problema e in tutti i suoi molteplici aspetti. Esperti in grado di costruire politiche sociali sulla tossicodipendenza concrete ed efficaci”.

Unico a livello nazionale per la formazione specialistica, anche questa seconda edizione del master ha ottenuto il patrocinio del comune di Milano: “Abbiamo deciso di essere partner dell’iniziativa – spiega Mariolina Moioli – finanziando 20 borse di studio da 5 mila euro ciascuna. Persone in grado di parlare il linguaggio dei giovani e che insieme agli esperti individueranno percorsi per la prevenzione e il contrasto delle tossicodipendenze”.

“L’innovazione del nostro Master – afferma il Prof. Vincenzo Russo, responsabile scientifico del progetto – risiede nella possibilità di fornire competenze professionali nell’area della comunicazione sociale per formare operatori e dirigenti per una gestione efficace di progetti e strutture. La presenza di docenti provenienti da diversi Paesi e da università europee ed americane permetterà di acquisire una visione più articolata e complessa del fenomeno e delle best practices per la sua prevenzione e gestione”.