Le due facce della medaglia

Il fenomeno, definito dagli esperti ‘Doppia diagnosi’, riguarda il 3,9 per cento del campione studiato dai ricercatori, coordinati dal professor Massimo Clerici. I soggetti che presentano doppia diagnosi per uso di sostanze sono prevalentemente maschi (75%), celibi e di età inferiore ai 40 anni. L’alcol è la sostanza più utilizzata, in termini sia di abuso (25%), seguito da cannabinoidi (11%) e cocaina (9%), che di dipendenza, seguito da oppioidi (10%) e cocaina (4,4%). Il dato, sostengono gli esperti, è strettamente in linea con quello emerso in sede nazionale.

comunicati