fbpx
Dona ora Acquista i prodotti

Maggio, un mese di visite e progetti internazionali a San Patrignano

Un mese inteso e prezioso dedicato all’ascolto e all’accoglienza quello appena trascorso, che ha visto San Patrignano protagonista di progetti e visite internazionali.

San Patrignano ha avuto il piacere di ricevere il 2 e 3 maggio due delegazioni governative provenienti dallo stato federale dell’Alberta, in Canada, e dal Qatar. Entrambe le delegazioni hanno visitato la Comunità alla ricerca di nuove soluzioni per i problemi che affrontano ogni giorno nei loro Paesi sul fronte delle dipendenze da sostanze stupefacenti.

L’Alberta ha registrato nel 2023 un record negativo di 7.000 casi di overdose. Basti pensare che l’Italia, che conta quasi 60 milioni di abitanti contro i 4.3 milioni dell’Alberta, registra una media di circa 300 casi di overdose all’anno. Per lo stato canadese hanno partecipato il Ministro della Salute Mentale e delle Dipendenze Dan Williams, il suo vice Evan Romanov e tre membri del loro staff. “È stato stimolante e commovente vedere da vicino la qualità dei programmi offerti da San Patrignano. Il Canada e il mondo possono imparare molto da questo modello di assistenza. Abbiamo tratto diversi spunti dai nostri incontri e dalle nostre discussioni su come creare un sistema coordinato per perfezionare e migliorare i servizi per gli abitanti dell’Alberta” ha dichiarato il Ministro Williams, che si è augurato anche di poter continuare a rimanere in contatto la Comunità.

Il Qatar, invece, soffre in modo particolare la diffusione dell’abuso di stimolanti e manifesta una certa difficoltà nel pensare e organizzare percorsi di recupero residenziali di lungo periodo come quello di San Patrignano. Molto nutrita la delegazione della nazione araba, costituita da nove persone, quali il Vice-ministro della Salute, il Dr. Salih Al Marri, il Procuratore Generale del Paese, funzionari del Ministro degli Interni, del Drug Control Administration e due membri dell’equipe medica.

Dal 14 al 16 maggio è stato invece il turno della visita di studio del progetto FOCTALI, un’iniziativa volta a rafforzare grazie all’aiuto dell’Italia le comunità di recupero nei Paesi dell’America Latina e dei Caraibi. Il progetto, giunto alla sua terza edizione, è organizzato in collaborazione con l’Organization of American States e finanziato dalla cooperazione internazionale italiana. Il suo obiettivo è promuovere approcci innovativi per favorire il reinserimento sociale di ex tossicodipendenti e persone con precedenti giudiziari. I partecipanti alla visita, dodici in tutto, fra cui due rappresentanti della Organization of American States, si sono detti molto soddisfatti dall’esperienza e confidano di poter applicare al loro lavoro e nei loro differenti contesti nazionali le buone pratiche sulle quali si fonda il modello di recupero e prevenzione della Comunità.


29 Maggio 2024
condividi
Iscriviti alla Newsletter e resta in contatto con noi!