Non solo sole

Panoramica Sanpa

Nuove idee, occasioni di incontro, sport, intrattenimento. A luglio e agosto ci si diverte, senza dimenticare i propri impegni

di Silvia Mengoli

L’estate è musica, ritmo, energia, divertimento. E’ voglia di stare insieme, inventando momenti diversi, speciali. A San Patrignano il programma delle attività estive è intenso e comprende tante alternative: sport e attività all’aria aperta per chi ama il movimento, intrattenimento e svago per allietare le serate, laboratori creativi per gli amanti dell’arte, proposte cinematografiche e musicali per i cultori del sound e delle pellicole più ricercate. Ce n’è davvero per tutti i gusti. Senza trascurare la possibilità di godersi il primo sole sulla pelle, sdraiati su comodi lettini, intervallando questi momenti di relax a tuffi e bagni rigeneranti.

La piscina della comunità, totalmente immersa nel verde, ha aperto le porte a fine giugno, dando il via ufficiale – come accade ogni anno – alla estate di Sanpa. I ragazzi vi accedono divisi per gruppi ad orari prestabiliti, dalle otto della mattina alle sette di sera circa. “La struttura è gestita da quattro bagnini di salvataggio e da personale qualificato che si alternano tutti i giorni per garantire un buon servizio a tutte le persone che la frequentano”, spiega Victor che coordina le iniziative sportive della comunità, “compresi i bambini e chi deve praticare attività riabilitativa in acqua”.

Ma, come abbiamo già detto, l’estate a Sanpa non è solo piscina, sole, tuffi, bagni. Anzi. Idee nuove, momenti di incontro, soluzioni ricreative e di intrattenimento vengono proposte continuamente per allietare le calde giornate dei ragazzi. A partire dallo sport.

Attesissima la corsa podistica in programma nel mese di luglio. Alla gara parteciperà il gruppo degli atleti di San Patrignano che praticano ormai da due anni questa disciplina, “ma potranno unirsi a loro anche altre persone della comunità”, precisa Victor. “Sarà un’occasione diversa per stare insieme che pensiamo di far diventare un appuntamento fisso da ripetere ogni anno”.

Altrettanto attese le finalissime di risiko, scala e briscola: a sfidarsi saranno i vincitori dei rispettivi tornei che si sono svolti contemporaneamente nelle tre sedi di San Patrignano. “Per il secondo anno consecutivo abbiamo confermato la presenza di una nostra squadra di pallavolo al torneo delle Contrade di Ospedaletto”, aggiunge Victor, “garantendo anche la gestione degli arbitraggi”.

Le ‘new entry’ del calendario estivo di Sanpa vanno ad aggiungersi agli eventi ‘storici’ della comunità. “Si sta disputando il ‘Renzo Pesco’, il torneo interno di calcio che coinvolge tutti i settori maschili”, ricorda Victor. “Inoltre ci stiamo preparando per le Olimpiadi della comunità (23/29 agosto), che si svolgono da una decina di anni a Lignano Sabbiadoro (Ud), alle quali la comunità ha sempre partecipato. Quest’anno saremo presenti con una ventina di ragazzi che dovranno cimentarsi in una serie di prove. La scorsa edizione abbiamo vinto cinque medaglie d’oro, cinque d’argento e due di bronzo: davvero un ottimo risultato”.

Le attività proposte si allargano ad altri campi per soddisfare le preferenze di tutti, spaziando dalla musica al cinema, senza tralasciare cultura ed arte.

E per i più piccoli? Mare, spiaggia, giochi d’acqua, attività motorie, laboratori creativi. Per i bimbi è stato pensato un programma estivo davvero speciale. Tutto farà riferimento ad un tema centrale, una sorta di filo conduttore che riguarderà ogni attività, sia quelle sulla spiaggia (i bimbi vanno al mare tutte le mattine) sia quelle svolte all’asilo della comunità.

Quest’anno sarà il mondo dei pirati lo scenario all’interno del quale si svilupperanno tutte le iniziative rivolte ai più piccoli. “Lavorare su un tema preciso significa fare riferimento allo ‘sfondo integratore’”, spiega Dalila Iacobucci, che coordina le attività per i bimbi di Sanpa, “ovvero uno strumento didattico, sorto nell’ambito della pedagogia istituzionale che, cercando di evitare eccessivi condizionamenti, si prefigge di favorire nei bambini modalità d’apprendimento costruttivo e operativo”. In sostanza ai piccoli viene lasciata la possibilità di creare, di esprimersi, di inventare. “Noi educatori lavoriamo come registi, sono i bambini a dare gli input e noi li sviluppiamo in modo che siano utili per loro”.

Lo sfondo integratore non è pertanto uno strumento per motivare i bambini ad approfondimenti stabiliti dagli adulti, non è cioè parte di una strategia di apprendimento lineare. “Le attività e i giochi possono cambiare continuamente, arricchirsi, lasciare spazio ad altre soluzioni: dipende dai bambini, dalla loro curiosità, dai loro stimoli, dai loro suggerimenti”, precisa Dalila. “Abbiamo già iniziato a raccontare le storie dei pirati, ad introdurre i bimbi nel mondo fantastico dei galeoni, delle scialuppe. Se qualcuno di loro ci chiedesse, ad esempio, come salivano i pirati sulle barche, ecco che quello potrebbe già essere uno spunto per coinvolgerli in un’attività, costruendo la scala di corda, recuperando i materiali, imparando i nodi marinari”.

L’attività estiva, intrecciata al mondo dei pirati, partirà a tutti gli effetti in spiaggia, dove i bambini trascorrono parte della giornata. Qui troveranno una bottiglia, contenente il messaggio del Capitan Morgan, conosciuto come il pirata Barbanera, alla ricerca dell’isola più preziosa. La troverà a settembre, al Bimbo Day, la festa dei piccoli di Sanpa, organizzata in comunità, dove si incontreranno tutti i ‘baby’ pirati. “I bambini, in rapporto alle rispettive età e capacità, saranno coinvolti direttamente e attivamente nell’organizzazione di ogni cosa: costumi, scenografie, musiche e danze. Ci saranno laboratori di attività manipolative per realizzare perle, oggetti preziosi, monete che andranno a comporre il tesoro che i bimbi regaleranno al Capitan Morgan”. E contribuiranno ad inventare la stessa storia di questo leggendario eroe dei mari, inventando nuovi personaggi, posti misteriosi, oggetti magici, creando una loro leggenda nella leggenda che si articola ogni giorno di più per lasciare spazio alla loro fantasia.

Aspettando la vendemmia
Estate intensa per i settori del vino, sia per le lavorazioni in campagna sia per la preparazione in cantina della vendemmia.
In vigna nei primi giorni di luglio sono iniziate le operazioni di diradamento dell”uva. Proprio per l”importanza di questo lavoro e per l”esigenza di un intervento il più tempestivo possibile, le forze messe in campo sono sempre molte.

Nel mese di agosto le operazioni si concentrano sulla preparazione in vigna del cantiere di raccolta: preparazione delle forbici, dei carri, delle cassette dell”uva, etc.. In cantina invece si procede al lavaggio ed alla manutenzione di tutte le attrezzature: tavolo di cernita, diraspapigiatrice, serbatoi e fermentini. In agosto viene inoltre svolta la campionatura dell”uva ; le analisi dell”uva raccolta (zuccheri, acidità, pH, polifenoli) consentono di mantenere sotto controllo l”andamento della maturazione e determinare così la data ottimale della vendemmia.

Ogni anno la raccolta dell’uva diventa un rito. Tutti i ragazzi della comunità si avvicendano nei campi muniti di forbici e cassette da riempire, al fianco degli esperti della vigna. Preparano le casse, le caricano sui carri, le svuotano in una macchina speciale che divide gli acini dai raspi e li trasporta all’interno della cantina, dove ha inizio la preparazione del vino. Per tutti, la vendemmia è un momento importante, un’occasione diversa per stare insieme e conoscersi meglio.

Fervono i lavori
E’ particolarmente attiva la fase progettuale per la realizzazione di molte opere importanti che, nei prossimi anni, completeranno il nuovo assetto di San Patrignano. Molti cantieri sono già in corso e riguardano i nuovi uffici, l’officina dei fabbri, la tensostruttura. E molti altri verranno aperti prossimamente.

“L’obiettivo”, spiega Massimo Parmigiani, responsabile dell’ufficio tecnico, “è quello di migliorare la qualità dei servizi e della vita all’interno della comunità attraverso la creazione di strutture più funzionali, ma anche di nuove aree verdi e di percorsi stradali che limitino ancora di più il traffico degli automezzi vicino ai centri abitati e alle zone artigianali. Ovviamente, per ragioni legate alle condizioni climatiche, l’attività nei cantieri aumenta soprattutto nel periodo estivo”.

Agli impegni di carattere prettamente tecnico, si aggiungono quelli relativi agli allestimenti. “Oltre al concorso ippico ‘Challenge Vincenzo Muccioli’, in estate si svolgono anche altre manifestazioni che richiedono il nostro intervento”, precisa Parmigiani. “Tra le tante ricordiamo lo spettacolo di ferragosto, il Bimbo day, l’anniversario della morte di Vincenzo, ai quali si aggiunge anche la nostra presenza ad esposizioni internazionali di settore come il Salone del mobile di Parigi e il Macef di Milano. Quest’anno poi sono previsti altri importanti momenti per la comunità come l’inaugurazione della nuova cantina, la mostra fotografica su San Patrignano al Meeting di Rimini curata da Mauro Galligani e il Festival della cucina italiana”.

Niente vacanze per l”emporio
L’emporio di San Patrignano non va in vacanza. Anzi, tante sono le novità per l’estate. Oggetti per la casa, candele profumate, parei da bagno in spugna, idee accattivanti proposte in tonalità vivaci. E le coloratissime e originali borse, frutto dell’estro e della creatività delle ragazze del laboratorio di tessitura. La linea prevede una vasta gamma di soluzioni, diverse negli accostamenti di colori e di materiali.
L’orario estivo dell’emporio
Mattina martedì/sabato dalle 10.00 alle 12.30
Pomeriggio lunedì/domenica dalle 15.00 alle 18.30
Chiusura lunedì mattina e domenica mattina
Nel mese di agosto chiuso anche la domenica pomeriggio

Grazie dei fiori
Fiori bellissimi e colorati abbelliscono, ogni anno, il centro ippico di San Patrignano, in occasione del CSI A ‘Challenge Vincenzo Muccioli’.

Le composizioni floreali sono magistralmente preparate dai ragazzi dell’orto che circa quattro mesi prima della manifestazione iniziano a produrre e coltivare i fiori e le piante da interno.

Quest’anno sono state disposte in ciotole e cassette 3865 begonie bianche e 3352 begonie rosse. Mentre gerani parigini, bidens, coleus, ederine e altri tipi di fiori sono stati utilizzati per abbellire vasi e cariole in legno, aiuole e vaschette.

Oltre alla produzione e messa a dimora dei fiori e alla disposizione delle piante da interno, i ragazzi dell’orto sono impegnati anche nella composizione dei fiori recisi (gladioli, rose, agapantus, garofani, lilium asiatici) messi a disposizione dal Comune di Sanremo.

Ferragosto live
Scrivere la sceneggiatura, pensare ai costumi, creare le scenografie, scegliere le musiche, selezionare il casting. Ci vogliono più di due mesi per preparare la festa di ferragosto, che ogni anno si svolge a San Patrignano.

Un impegno non semplice, ma senza dubbio entusiasmante, che coinvolge molti ragazzi della comunità. Quelli del Sanpa Group, i Sanpa Singers diretti, dal maestro Marco Galli, gli ‘sceneggiatori’, Patrizia, Fabio e Michele che scrivono i testi, inventano le scenette e individuano i possibili attori. Il tutto avviene sotto la regia di Andrea Muccioli.

Ogni anno si inventa qualcosa di nuovo. Ci si incontra tre volte alla settimana, dall’inizio di giugno, finiti gli impegni nei vari settori. Poi, quindici giorni prima dello spettacolo, scatta la ‘full immersion’ “E’ necessario intensificare i momenti di incontro”, spiega Daniele Morandotti del Sanpa Group, “per preparare ogni cosa, per provare le scene, le musiche, per montare le scenografie e allestire il palco”.

Per realizzare tutto questo scendono in campo i ragazzi di altri settori – tecnici, decoratori, designers, costumisti, solo per citarne alcuni – che garantiscono la perfetta riuscita della serata.

Formaggio in fossa
Dopo circa tre mesi di stagionatura il pecorino, prodotto nel caseificio di San Patrignano, viene messo all’interno di sacchi di tela (sette/otto forme per sacco) e portato nelle fosse di Sogliano, di Mondaino e in quelle vicino a Pesaro.

Questo accade nel mese di agosto. Poi a novembre, quando finalmente il formaggio ha acquistato tutte le sue speciali peculiarità, viene recuperato e portato nuovamente nel caseificio della comunità dove viene conservato ad una temperatura piuttosto bassa, fino al momento della vendita.

Il formaggio di fossa deve il proprio sapore ricco all”ambiente anaerobico che si crea nelle fosse sigillate ermeticamente. Al loro interno infatti la temperatura si mantiene costante tra i 17° e i 20° per tutti e tre i mesi di stagionatura, mentre l”umidità sfiora il 100%.

Lassù, sulle montagne
Metti una sera d’estate a San Vito, nella sede trentina della comunità di San Patrignano. La piazzetta si anima, i ragazzi si raggruppano qua e là, chi gioca a biliardino, chi parla, chi scrive, chi canta e suona la chitarra. Si crea davvero una bella atmosfera, la stessa che si respira durante i buffet all’aperto organizzati dalla cucina.

Ma estate a San Vito vuol dire anche tempo di tornei, come quello di calcetto, in cui i ragazzi si confrontano anche con squadre esterne, o quello di pallavolo, ping–pong e bocce.

La giornata estiva più particolare è sicuramente quella di ferragosto, i cui preparativi cominciano già dagli ultimi giorni di luglio. Tutti i ragazzi collaborano alla riuscita di questa giornata, dalla preparazione delle scenette a tema del mattino fino allo spettacolo serale.

La bella stagione coinvolge ovviamente anche i bambini che, tra un tuffo nella piscina in giardino e una passeggiata nei boschi, trascorrono i giorni all’aria aperta giocando fino a sera.
(I ragazzi di Trento)

Pennelli in gara
Estate significa anche liberare l’immaginazione, lasciarsi trasportare dalle proprie inclinazioni artistiche per arrivare ad esprimere se stessi e magari scoprire di avere del talento. Con la bella stagione sono state avviate all’interno di Sanpa alcune iniziative culturali a cura del Gruppo Tempo Libero.

Tra queste un “Concorso di Pittura” rivolto a tutti quei ragazzi che, pur non avendo una formazione tecnica, vogliono comunque esprimere la loro fantasia attraverso questa arte.

Tema da sviluppare è il concetto di “futuro”, inteso in senso ampio nel tentativo di dare forma a desideri, sogni e aspettative, o tutto ciò che i ragazzi vorranno comprendere nel significato della parola.

Ogni partecipante potrà realizzare il proprio lavoro a tecnica libera e con una dimensione massima di 70X90 centimetri. Oltre a colori, pennelli e i classici ferri del mestiere, alcuni concorrenti potranno rivisitare materiali di scarto per comporre la loro opera d’arte.

Anche alcuni scultori dilettanti hanno chiesto di aderire all’iniziativa in qualità di sezione collaterale non ufficialmente in concorso. Le opere riceveranno il parere di una giuria che sceglierà tra tutte, i tre lavori da premiare. Al termine, tutte le creazioni saranno esposte nel salotto della comunità.
(l.r.)

Cinema che passione
Europei, Olimpiadi, ma a chi non piace lo sport cosa offre la programmazione tv quotidiana di San Patrignano? Per questa estate chi ama il cinema non resterà deluso.

Da giugno, infatti, partiranno in contemporanea , a settimane alternate, due cicli di film: “Nuovo cinema italiano” e una brillante retrospettiva su Billy Crystal. In programma per la prima sezione le opere dei registi italiani che negli ultimi anni hanno catturato l’attenzione dei media con la fotografia e il racconto di alcune realtà generazionali. Stiamo parlando di Gabriele Muccino, Alessandro D’Alatri, Francesca Comencini.

Accanto a questi autori le storie raccontate dalla sensibilità unica di Ferzan Ozpetek e le solitudini atipiche dei personaggi di Mimmo Calopresti. L’idea di associare due cicli così diversi nasce dalla volontà di smorzare i toni drammatici del cinema italiano con l’ironia di un caratterista del livello di Crystal. Attore, regista e sceneggiatore, il noto volto del cinema americano sarà riproposto attraverso una selezione accurata dei suoi successi, partendo da un classico come “Harry ti presento Sally” per arrivare al blockbuster più recente “Un boss sotto stress”.
(l.r.)

L”aria di Botticella
A Botticella, dopo un lungo inverno sommersi dalla neve e avvolti dalla nebbia impenetrabile, finalmente è arrivato il sole, il verde, il profumo dei fiori che riempie l’aria. I preparativi per la piscina iniziano alla fine di maggio, così quando viene il caldo i ragazzi sono pronti per il primo grande tuffo.

I ragazzi e le ragazze corrono ogni sera per tenersi in forma e non vedono l’ora di fare spinning all’aperto. Tutte le mattine i bambini partono per una giornata piena di giochi, sole, e sabbia al Bagno 98 di Rimini.

Già si comincia a parlare della festa di ferragosto e di chi vincerà per aver ideato la scenetta migliore. Sicuramente, dopo ‘il galeone degli allevamenti’, ‘il thriller dell’ufficio’ e tutte le altre scenette stupende di Capodanno, ci saranno cose mai viste! Non dimentichiamoci i campionati di calcio Europei, che permettono a tutti di assaporare gli squisiti panini fatti dagli instancabili ragazzi del forno, prima di andare a fare il tifo sfrenato per l’Italia. Tifosi o no, è un altro modo per divertirsi insieme.

Questa estate promette benissimo a Botticella, avvolti dalla natura e scaldati non solo da un magnifico sole, i ragazzi sono uniti dall’entusiasmo e dall’amicizia.
(I ragazzi di Botticella)