Un nuovo centro di ascolto per ragazzi con problemi di tossicodipendenza a Cecina

Panoramica Sanpa

L’Associazione Gruppo Il Ponte, già attiva a Pisa e tramite tra San Patrignano e il territorio, apre uno sportello di orientamento per ragazzi in difficoltà e le loro famiglie.

Prosegue l’impegno delle famiglie dell’associazione Gruppo il Ponte di Pisa, che gestirà un nuovo spazio di ascolto e orientamento per la tossicodipendenza a Cecina, nella sede della Pubblica assistenza in Piazza Alessandrini.

L’obiettivo è quello di aumentare la presenza di presidi di aiuto nel territorio toscano, per permettere a sempre più ragazzi di accedere a un percorso di recupero in Comunità e supportare le loro famiglie.

L’inaugurazione ufficiale avverrà sabato 29 marzo alle ore 10.30 al Fiorino presso la Polisportiva in via Pertini, in una sede diversa da quella del centro per ragioni di spazio.

Alla cerimonia saranno presenti l’Assessore Comunale alle Politiche Sociali Lia Burgalassi, il Presidente della Pubblica Assistenza Romano Giovannini, il Presidente del Gruppo il Ponte Corrado Galluzzi e il Coordinatore Nazionale delle associazioni di San Patrignano Federico Samaden.

Aperto grazie alla disponibilità e alla collaborazione dell’Amministrazione Comunale e della locale Pubblica Assistenza, il centro di orientamento sarà gestito da Valentina Vitone e Silly Sabatini e sarà aperto tutti i lunedì pomeriggio dalle 14 alle 24.

Nel pomeriggio si svolgeranno i colloqui individuali con i ragazzi che vogliono conoscere la realtà di San Patrignano, mentre dalle 21 si terranno gli incontri con le famiglie.
«I dati – afferma Valentina Vitone– ci restituiscono uno spaccato sempre più ampio della realtà livornese.
In particolare ad impressionare è l’età in cui si sperimentano le prime droghe, che si è abbassata intorno ai 13, 14 anni.

Già a 17 alcuni tanti ragazzi hanno sviluppato una vera e propria tossicodipendenza».

«Solo l’anno scorso – dice Corrado Galluzzi, fondatore e Presidente dell’Associazione Gruppo Il Ponte – ben 7 persone di quest’area hanno concluso il percorso di San Patrignano, reinserendosi perfettamente nella società.
Ricordo infatti che la Comunità di recuperò ha un tasso di successo del 72%, il più elevato in Europa. Attualmente ci sono 22 residenti della provincia di Livorno a San Patrignano, di cui 6 provenienti da questa area».