Una “pizzata” per i minorenni della comunità

In questi ultimi mesi i due centri, che si sono sempre guardati da lontano, si stanno impegnando in alcuni progetti condivisi. In virtù di questo nuovo gemellaggio, nella serata di sabato 7 novembre, per la prima volta tutti i giovanissimi si sono trovati a mangiare insieme, le ragazze ospiti dei ragazzi. Come portata principale c’era la pizza, preparata dai padroni di casa e cotta nel loro forno a legna. A tavola anche Letizia e Gianmarco Moratti, cofondatori della Fondazione San Patrignano, insieme ai responsabili dei due laboratori formativi in cui i minorenni sono inseriti per una parte della loro giornata, lavanderia e falegnameria.
La cena si è rivelata un’opportunità per scambiare punti di vista ed esperienze con coetanei dell’altro sesso, e un modo per vivere qualche ora spensierata, come durante un’uscita con gli amici in pizzeria. C’è chi tra i ragazzi ha voluto preparare per l’occasione un piccolo spettacolo, un’esibizione del proprio talento, scoperto magari durante la permanenza in comunità: chi ha portato la sua canzone rap, chi ha cantato e suonato con la chitarra, chi ha preparato uno sketch comico con i Moratti protagonisti.
L’avvicinamento delle due realtà si basa per ora principalmente sulla realizzazione di un giornalino comune, intitolato “18MENO”. Già da qualche anno il centro minori maschile produceva infatti una piccola raccolta di articoli, ma adesso il progetto è stato completamente rinnovato. Il primo numero uscirà la notte di Natale, un regalo per la comunità intera, e conterrà storie personali dentro e fuori Sanpa, opinioni e passioni dei più giovani ospiti.