Presenze record, temi di grande interesse ed esempi unici di umanità

Così si chiude a San Patrignano la 69° edizione del Congresso nazionale di Assoenologi

È terminato con un lungo convinto applauso a San Patrignano il 69° Congresso Nazionale di Assoenologi.
Un’edizione di successo caratterizzata da sessioni di spessore e che ha toccato argomenti di grande interesse.
Nell’apertura di domenica 1 giugno, caratterizzata dall’ormai storico telegramma di sostegno e incoraggiamento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, dai messaggi dei Ministri Maurizio Martina e Giuliano Poletti e dalla presenza del Presidente della Commissione agricoltura della Camera dei Deputati Luca Sani, che hanno ribadito l’impegno delle istituzioni nel contrastare le truffe e la malaburocrazia, due fenomeni che a diverso titolo appesantiscono l’attività delle cantine italiane.

Il massimo delle presenze, circa 800, si è raggiunto nella giornata del 2 giugno, incentrata sui due animati talk show moderati con professionalità e stile da Bruno Vespa, e che ha visto confrontarsi eminenti personalità del Made in Italy, viticolo e no, sul tema della valorizzazione delle nostre produzioni.
Nel pomeriggio del 2 giugno un’emozionante degustazione guidata dal Presidente dell’Assoenologi Riccardo Cotarella e dal Presidente della sezione Romagna Pierluigi Zama ha messo a confronto il meglio delle produzioni romagnole e francesi. Uno scambio di esperienze che ha sancito di fatto una solida alleanza a sostegno della qualità tra gli Enologi Italiani e Francesi presenti al Congresso.

La giornata del 3 giugno, infine, è stata dedicata ad una “generosa” illustrazione dei punti forza delle strategie di valorizzazione delle tre grandi aree francesi, Bordeaux, Borgogna e Champagne, da parte di tre apprezzate personalità professionali di queste aree.

In conclusione i presenti hanno voluto esprimere un lungo e sentito applauso agli ospiti della più grande Comunità di recupero antidroga, dove il vino è lo strumento di riscatto e di formazione lavorativa che ha consentito a molti ragazzi di recuperare autostima e rispetto professionale.

Vivere è infatti bello, perché significa continuamente saper ricominciare”,come scriveva Cesare Pavese nel suo apprezzato “Il mestiere di vivere”.
Parole queste, lette a conclusione del Congresso da Piero Cane Presidente della sezione del Piemonte, un verso che rappresenta l’auspicio di tutta l’Assoenologi verso i ragazzi ospiti della Comunità.