Hai bisogno di aiuto? Dona ora

Un progetto europeo sulla buone pratiche in materia di recupero

Un nuovo progetto europeo sul recupero

Riabilitazione per il recupero e il reinserimento. E’ questo il progetto europeo “Triple R” di scambio di buone pratiche relative alla tossicodipendenza di cui San Patrignano è capofila. Ben altre 8 le realtà che fanno parte del gruppo di lavoro: Dianova (Spagna), Popov GGZ (Belgio), Ecad (Svezia) , Basta (Svezia), Stjena (Croazia) , Udruga Institut Pula (Croazia), Udruga San Patrignano Associazione genitori Spalato (Croazia) e Ceis di Roma.

Da lunedì tutte le realtà si sono ritrovate a San Patrignano, dopo i passati incontri in giro per l’Europa, per la conclusione della prima fase di lavoro. “Dopo esserci confrontati in merito al tema stileremo tre manuali – spiega Sara Carrena, coordinatrice del progetto – Un manuale sarà sulla riabilitazione, uno sul reinserimento e uno sulle pene alternative al carcere. Oltre a questo sarà realizzato un video su queste realtà di recupero, il tutto volto a promuovere le buone pratiche relative al recupero. In un secondo momento sarà realizzato uno studio di fattibilità per lanciare un nuovo progetto pilota in Croazia”.


29 Giugno 2016
condividi
Iscriviti alla Newsletter e resta in contatto con noi!
San Patrignano usa i cookie per offrirti una migliore esperienza di navigazione