Il progetto WeFree da San Patrignano a Sarnano

Un “incontro-dibattito” a Sarnano sulla droga, tenuto da ragazzi che il dramma della tossicodipendenza l’hanno vissuto in prima persona. Saranno infatti i ragazzi di San Patrignano a raccontare agli studenti dell’Istituto Professionale “Renzo Frau” le loro storie di vita e la fatica del percorso svolto in Comunità.

L’incontro, che si terrà lunedì 29 aprile alle ore 10.30 presso la sala Convegni del Comune, rientra nel progetto di prevenzione WeFree portato avanti dalla comunità di San Patrignano e fa parte del progetto WePAD (Prevenzione come Alternativa alla Droga), iniziativa del Dipartimento Politiche Antidroga, promosso da MIUR e Istituto Tecnico Economico “Valturio” di Rimini.

Per la scuola un momento fortemente educativo che rientra nel “Progetto accoglienza” dell’anno scolastico 2012/2013, come spiega la professoressa Cinzia Lattanzi, responsabile dell’iniziativa: «Siamo stati a San Patrignano in gennaio e i ragazzi erano molto titubanti. Si aspettavano il solito dibattito sulla droga, ma sono tornati a casa entusiasti. Credo che per loro sia molto interessante e coinvolgente ascoltare la testimonianza diretta di ragazzi quasi coetanei e per questo abbiamo deciso di rimanere in contatto con la comunità invitandola nel nostro istituto».

Tanto l’entusiasmo suscitato nei ragazzi della scuola in occasione dell’incontro di gennaio, che per questa occasione hanno scelto di estendere l’invito anche ai ragazzi del Liceo Scientifico e delle classi terze della Scuola Media dell’Istituto Comprensivo “Leopardi” di Sarnano. E’ con tutti loro che i ragazzi di San Patrignano intavoleranno un dibattito e confronto in cui inviteranno i giovani a non avere timore di ascoltare i segnali di un malessere diffuso, fatto di paure, fragilità e insicurezze che accomuna tanti adolescenti.

Un dialogo fra San Patrignano e i ragazzi che potrà continuare anche dopo l’incontro grazie al web, attraverso il sito www.wefree.it e la pagina facebook www.facebook.com/wefree.network.

Ad oggi sono oltre 1500 le scuole superiori su tutto il territorio italiano che sono state coinvolte nelle attività WeFree e sono circa 6500 gli studenti che visitano annualmente la comunità.
Dal 2005, i format teatrali di prevenzione inseriti nel progetto WeFree si sono sviluppati in oltre 300 tappe sul territorio, con la partecipazione e il coinvolgimento attivo di più di 230 mila studenti nelle scuole medie e superiori.

comunicati