Quando il vero mostro è la droga

Luca Varani morto per droga - San Patrignano

La Comunità San Patrignano interviene in merito all’uccisione a Roma del giovane 23enne Luca Varani al termine di un festino a base di alcol e droga

Droga e violenza, violenza e droga. Sono due fenomeni sempre più spesso intrecciati fra loro e quanto avvenuto a Roma, aldilà dell’indicibile follia, ne è l’ennesima prova. Ben lo sappiamo a San Patrignano, tanto che dedicheremo proprio a questo argomento l’approfondimento dei WeFree Days 2016, il nostro evento dedicato alla prevenzione.

In merito a quanto accaduto a Roma, si parla di un festino a base di alcol e coca come se fosse la normalità fra giovani trentenni e allora non possiamo stupirci se questo sfocia in un atto di violenza inaudita. L’assassino ha dichiarato di “aver visto i mostri”, ma la realtà è che la droga è un mostro e chi ne fa uso è sempre a rischio di diventarlo.

Lo Stato non fa altro che minimizzare una cultura dello sballo sempre più predominante, senza rendersi conto che eventi di questa gravità sono la deriva di una società sempre più drogata. Quanto accaduto è figlio della normalizzazione dell’uso delle sostanze, un problema di cui si parla sempre meno e che invece va contrastato in maniera convinta e decisa.

Purtroppo veniamo sempre chiamati in causa a tragedia avvenuta, mentre ci piacerebbe che le istituzioni interpellassero e ascoltassero di più chi come noi è impegnato ogni giorno a trovare risposte adeguate a questi problemi. Incontriamo oltre 50mila studenti l’anno e ben sappiamo quanto vi sia necessità di progetti di prevenzione chiari e precisi, di un investimento sul futuro dei nostri figli.