A San Patrignano il basket di Legadue Silver

Ieri sabato 31 agosto hanno fatto visita alla Comunità le squadre Basket Recanati e Acmar Ravenna che parteciperanno alla Legadue Silver.
Arrivati in tarda mattinata, si sono subito uniti a pranzo ai 1300 ragazzi della Comunità, per poi visitarla accompagnati da alcuni di loro.

Per i giocatori si è trattato di un’esperienza particolare, fortemente voluta dal tecnico del Recanati, il riminese Massimo Bernardi, già più volte ospite della Comunità, che ha pensato bene di organizzare un’amichevole contro gli emiliani nell’auditorium di San Patrignano: «Anche mio figlio Marco ha avuto problemi di droga e vive a San Patrignano da circa due anni e mezzo. E’ per questo che mi sento di dare a tutti ragazzi di Sanpa quanto più è nelle mie possibilità. Condividere questo momento con loro è un piacere enorme. Credo che appuntamenti come questo rappresentino un occasione in cui osservare e prendere spunto da ragazzi che nello sport mettono il massimo impegno, affrontando le difficoltà e imparando che solo attraverso il sacrificio si raggiungono gli obiettivi che ci si è prefissati».

Anche per il tecnico della formazione ravennate Lanfranco Giordani non è la prima visita alla Comunità: «Conosco già questa realtà perché nella stagione 2002 – 2003 e 2003 – 2004 ero responsabile del basket Rimini che collaborava con San Patrignano, in particolare con il settore Grafiche, per l’ideazione e la pubblicazione del Giornale dell’Anno dei Crabs, una rivista in cui sono descritti tutti gli appuntamenti avvenuti durante la stagione sportiva. Rientrare qui è stata una grande emozione, soprattutto vedere i ragazzi dell’Acmar sfidare il Basket Recanati davanti a un simile pubblico.
Credo che per i 1300 seduti sugli spalti sia stata un’esperienza positiva: poter osservare giocatori, alcuni già professionisti ma altri coetanei, che si impegnano tutti i giorni per raggiungere il loro sogno, è sicuramente uno stimolo».

Nel pomeriggio si è tenuta una partita amichevole fra le due squadre in cui Acmar Ravenna ha avuto la meglio su Basket Recanati con il punteggio finale di 74 a 59. Ad assistere alla gara, buona parte dei ragazzi della Comunità che si sono divertiti e non poco a seguire il match.

Lo sport è da sempre un’importante attività educativa all’interno di San Patrignano, la più grande Comunità di recupero per tossicodipendenti d’Europa, completamente gratuita per i ragazzi e le loro famiglie.
Fra l’altro, dopo anni di tornei Uisp, da questa stagione la Comunità parteciperà con i suoi ragazzi al campionato di pallacanestro di 1° Divisione. «Per San Patrignano si è trattato di una bella occasione per dare modo ai ragazzi di vedere una gara di basket di buon livello – spiega Michele De Masi, responsabile della squadra di pallacanestro – Ravenna e Recanati sono state la dimostrazione di come dietro ad un’attività sportiva di livello, vi sia sempre grande sacrificio, impegno e quanto sia importante la coesione fra i giocatori per raggiungere la vittoria. In fondo si tratta dello stesso impegno che i nostri ragazzi devono mettere in Comunità per portare a termine il loro percorso e di quello stesso aiuto e sostegno che sono essenziali a San Patrignano fra i ragazzi per superare le piccole difficoltà di ogni giorno». comunicati