San Patrignano UK diventa una “Charity”

Non più una semplice associazione, ma una vera e propria Charity.
San Patrignano UK acquisisce questo importante status che in Inghilterra contraddistingue un organismo istituito per fini caritativi, sociali e filantropici, che è tenuto a utilizzare qualsiasi profitto per scopi dell’organizzazione.

In questo caso tutto il ricavato sarà rivolto alle attività che da oltre due anni porta avanti, vale a dire il primo contatto con i ragazzi tossicodipendenti che lanciano una richiesta di aiuto e il supporto ai ragazzi di San Patrignano che vorranno reinserirsi nella capitale inglese.

San patrignano UK è stata presentata ieri sera, nella sede del Consolato italiano.

All’evento hanno preso parte l’Ambasciatore d’Italia a Londra, Pasquale Terracciano, il Console generale Massimiliano Mazzanti, Letizia Moratti, cofondatrice della Fondazione San Patrignano e alcuni ‘testimonial’ fra cui il Campione del Mondo di calcio Marco Tardelli, l’Allenatore ed ex calciatore Roberto di Matteo, e l’ex calciatore inglese Luther Loide Blissett.

”Sono molto felice che San Patrignano sia qui nel Regno Unito – ha detto l’ambasciatore Terracciano – e ci sentiamo parte di questa famiglia”.
Mentre il Console Mazzanti ha ricordato il grande supporto ai giovani italiani che il consolato di Londra sta portando avanti, ad esempio col progetto ‘Primo approdo’, un caso unico nelle sedi diplomatiche italiane di assistenza e aiuto ai sempre più numerosi cittadini che si trasferiscono in Inghilterra e nel Galles.

A sottolineare l’importanza di questo riconoscimento per San Patrignano UK anche Letizia Moratti: “Il Regno Unito ha rappresentato nella storia recente un modello di eccellenza nel mondo della filantropia, con circa 160.000 charitable organisation, che includono 60.000 imprese sociali ed 800.000 persone occupate nel settore.
Oggi anche la Comunità di San Patrignano può considerarsi parte di questo grande mondo. Il progetto internazionale della Comunità prosegue e questo importante riconoscimento darà ulteriore forza alla valorizzazione nel mondo del modello San Patrignano, fondato sulla gratuità per i ragazzi e le famiglie, sull’autosostenibilità e sulla trasparenza dei risultati”.

I protagonisti della serata sono stati i ragazzi della Comunità, che hanno presentato il vino, pane e formaggio che producono, e i membri della squadra atletica di San Patrignano che hanno preso parte alla maratona di Londra.
L’atleta Nicola Salinetti, il più veloce del Team con un tempo al di sotto delle tre ore, ha definito l’esperienza come ”indimenticabile”.
”La sfida che hanno vinto questi ragazzi è straordinaria e sono un esempio per tutti”, ha affermato Tardelli. in_evidenza comunicati