SanpaNews di novembre racconta la decima edizione deI WeFree Days

“SanpaNews. Voci per crescere” di novembre sarà presto nelle case degli abbonati. Un numero speciale dedicato all’approfondimento dell’evento più importante dell’anno. Si tratta dei WeFree Days che il 10 e l’11 ottobre hanno richiamato in Comunità 3000 studenti da tutta Italia. Nella sezione “dipende da noi” troverete il racconto e la cronaca degli incontri e dei momenti più salienti che hanno caratterizzato questa decima edizione.

In “Droga e giovani studenti: un problema reale” e “Adolescenza tra diversità ed omologazione” si traccia il  bilancio di quanto emerso durante i dibattiti ospitati nell’ambito dello spazio Forum. In questo contesto politici, insegnanti e professionisti impegnati nell’ambito delle dipendenze si sono confrontati su temi fondamentali come scuola e adolescenza. Tra i relatori intervenuti anche il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli.

Ci sono storie capaci di accendere la passione per la vita. Sono quelle che hanno potuto ascoltare gli studenti durante i momenti del Forumio. Incontri che li hanno visti confrontarsi a tu per tu, con personaggi della cultura e dello spettacolo come Giovanni Terzi, Saturnino Celani, Paola Perego e Daniel Nilsson.  In “voci di passione” la cronaca di questi coinvolgenti dialoghi.

Ampio spazio è dedicato anche alle interviste. A quei personaggi che di fronte ai limiti e alle difficoltà della vita sono riusciti a fare la differenza. “In quale limite?” l’atleta paralimpico Andrea Devicenzi si racconta a partire dal tragico incidente che gli ha cambiato la vita a soli 17 anni. Una testimonianza di grande forza d’animo e determinazione. “In semplicemente Anna” l’avventura umana della famiglia Marangoni che, con affetto e tenera ironia, è riuscita ad abbracciare la disabilità della figlia senza alcuna riserva.

Ovviamente non può mancare un resoconto, con tanto di reportage fotografico, delle attività delle experience. Realtà internazionali e nazionali che hanno fatto dell’arte ma anche dello sport un’arma per combattere il disagio e l’emarginazione sociale. Carismatici ed entusiasti hanno coinvolto gli studenti in numerosi workshop interattivi.  Attraverso il ballo, il teatro, la musica hanno offerto loro tantissime alternative allo sballo. Invitando tutti i presenti ad entrare in un mondo nuovo e diverso. Un mondo in cui le sensazioni non sono né artificiali né fugaci, ma vere e durature.