Sanpanews di settembre: all’interno dell’agenzia web e grafica

Il numero del Sanpanews di settembre è dedicato all’agenzia web e grafica, un settore di formazione che offre ai ragazzi di San Patrignano un’esperienza preziosa, sia dal punto di vista umano che professionale. All’interno di un contesto innovativo ed in perenne mutazione, chi è impegnato in agenzia ha la possibilità di acquisire competenze specifiche e aggiornate; utili per un futuro reinserimento lavorativo.

Traguardi apparentemente scontati si trasformano in momenti di riscatto e di rinascita. A Luglio 33 ragazzi di San Patrignano hanno conseguito il diploma superiore. “In Riprendere gli Studi” vengono raccontate le motivazioni e le ambizioni che li hanno portati a riaprire un discorso – quello scolastico – che sembrava definitivamente chiuso.

Nella sezione “Raccontami” evidenziamo due storie: “Polvere di Stelle” e  “Come fogli diversi”. Nella prima una giovane donna scopre la felicità, ma solo dopo aver attraversato un lungo periodo fatto di scelte sbagliate e di aspettative deluse.

La seconda storia, invece, ci porta all’interno di una prigione. Qui il protagonista lamenta la geometria di un’ambiente angusto dove ogni cosa è quadrata e soffocante. Così la scrittura diventa una via di fuga, uno strumento con cui ritagliarsi un personalissimo spazio di libertà.

In “Dipendenze” scopriamo una nuova piaga sociale. Chi l’avrebbe mai detto? Obblighi professionali e ritmi di vita sempre più frenetici hanno portato gran parte della popolazione a rinunciare a qualcosa di fondamentale: il sonno. In “Chi dorme non piglia pesci”, l’analisi di un problema che ha gravissime ripercussioni sulla salute fisica e mentale di gran parte della popolazione mondiale.

Nella sezione “Dipende da noi”, come sempre, viene dato spazio alle vicende di chi si impegna per rendere il mondo- anche il pezzettino più misero- un posto migliore. “In Semi di coraggio” ci imbattiamo nell’intraprendenza di Giulio, un giovane di 29 anni che abbandona il lavoro di agente di commercio, per dedicarsi alla realizzazione di un’opera sociale: un orto che, attraverso l’insegnamento dell’ agricoltura, accoglie, sostiene e valorizza ragazzi emarginati e a rischio.

C’è la mossa del singolo, ma anche quella di una collettività ben ramificata e organizzata. Global Changemakers è una Ong internazionale che sostiene ragazzi giovanissimi, tra i 18 e i 25 anni, nella realizzazione di progetti legati alla difesa dei diritti umanitari e alla tutela dell’ambiente. “In Cambiamenti Globali” i numeri e la storia di questa interessante realtà.

Guarda il video:

Scopri come avere a casa tua il nostro mensile