Spazio Sanpa apre a Milano

Nel nuovo Spazio Sanpa saranno presenti le collezioni di arredi, accessori e oggettistica create in Comunità ed ospiterà iniziative di carattere sociale e eventi di raccolta fondi.
San Patrignano ha scelto di aprire il nuovo spazio a pochi passi dal centro storico, in una zona di shopping, tra gallerie d’arte e atelier sartoriali.

L’avventura milanese ha preso vita grazie a un partner d’eccezione: Redemption Choppers, brand che realizza moto fatte a mano e abbigliamento prêt-à-porter made in Italy, devolvendo il 50% dell’utile in beneficienza. Dietro al marchio c’è un forte legame con San Patrignano. A dare avvio a questa avventura insieme a Gabriele Moratti i due soci Daniele Sirtori e Vanni Laghi, tutti profondamente legati alla Comunità.

Moda, design, arte, cultura e cibo, questi i fili su cui s’intreccerà il calendario di eventi nella nuova cornice di Piazza Sant’Erasmo.

L’accesso libero al pubblico favorirà la conoscenza dei manufatti artigianali provenienti dai laboratori di formazione di San Patrignano, dove ogni giorno i ragazzi acquistano consapevolezza di se stessi misurandosi con gli altri e coltivando il proprio talento.

Per l’approdo milanese la Comunità ha selezionato una serie di combinazioni adatte ai regali natalizi, dai cesti gourmet ai pluripremiati vini, passando per sciarpe, borse, accessori moda e per la casa, tutti rigorosamente fatti a mano.
Presenti anche alcuni pezzi di design della collezione “Barrique. La terza vita del legno”, punto d’incontro e sintesi perfetta tra recupero e ricerca estetica, nati dal legno delle botti impiegate per l’invecchiamento del vino a San Patrignano.

Ogni acquisto diventa un regalo e testimonia il lavoro artigianale eseguito nei laboratori di San Patrignano e un segno di solidarietà verso la Comunità, che da oltre trent’anni accoglie gratuitamente persone con problemi di dipendenza da sostanze stupefacenti.

La Comunità di San Patrignano è il più importante centro antidroga di tutta Europa ed ospita oltre 1.300 ragazzi. Dal 1978 ad oggi, San Patrignano ha accolto in forma totalmente gratuita, senza oneri né per le famiglie né per lo Stato, oltre 20.000 persone provenienti da centinaia di diverse nazioni, offrendo loro una casa, l’assistenza sanitaria e legale, la possibilità di studiare, di imparare un lavoro e reinserirsi pienamente nella società al termine del percorso di recupero.