Stop a coffee shop e ‘funghi magici’

Chiusura di un quinto dei coffee shop e divieto di vendita dei funghi allucinogeni. L’Olanda sembra sempre più indirizzata a cambiare regime in fatto di antiproibizionismo in materia di droghe. Il comune di Amsterdam ha infatti annunciato che entro il 2011 chiuderà i coffee shop vicini alle scuole, ben 43 sui 228 esistenti. La decisione è stata annunciata dal sindaco Job Cohen che ha dichiarato di voler rispettare le nuove regole varate dal governo nazionale, secondo le quali i ritrovi dove si può fumare liberamente droghe leggere sono proibiti in un raggio di 200-250 metri dagli edifici scolastici. Oltre a questa misura, il 30 novembre i proprietari dei coffee shop hanno dovuto intonare il requiem alla vendita dei funghi magici. Dal primo dicembre infatti sono bandite 187 specie di funghi. Amanita Muscaria, Messicano, Thai sono solo le più famose fra queste sostanze che in terra orange non saranno più legali. A convincere il governo a metterli al bando la denuncia avviata dai genitori di una ragazza francese suicidatasi, dopo aver ingerito un ‘fungo magico’, gettandosi da un ponte di Amsterdam. I venditori di questi ‘prodotti naturali’ hanno fatto ricorso, ma i giudici hanno confermato il bando.