Vercelli: studenti a teatro

A Vercelli, al Teatro Civico (via Monte di Pietà, 1) venerdì 4 aprile alle ore 10.30, arriva lo spettacolo di prevenzione alla tossicodipendenza “Fughe da Fermi” a cura della comunità di San Patrignano. Ad assistere ci saranno gli studenti delle scuole del comune piemontese.

A promuovere l’iniziativa è l’associazione LILT (Lega Italiana per la lotta contro i tumori) di Vercelli in collaborazione con l’assessorato alla Cultura di Vercelli e l’Ufficio scolastico provinciale del comune piemontese.

“Visto il successo dello spettacolo, sempre a cura del centro antidroga di San Patrignano, svoltosi lo scorso anno a Borgosesia – racconta Ezio Barasolo, presidente della LILT (Lega Italiana per la lotta contro i tumori) di Vercelli – al quale ho partecipato con grande commozione, abbiamo deciso come associazione di coinvolgere le scuole del vercellese”.

I protagonisti dello spettacolo “Fughe da fermi” sono il regista e conduttore Pascal La Delfa e Mattia, un giovane di 23 anni ormai alla fine del suo percorso di recupero all’interno della comunità di San Patrignano.

In scena Mattia racconterà ai suoi coetanei quanto è facile cadere dentro la droga e quanto è difficile uscirne. E’ in questa forma di comunicazione tra pari, mai calata dall’alto, dov’è offerta al pubblico una semplice e diretta esperienza di vita, che si trova la chiave del successo di questo innovativo strumento di prevenzione.

E a dimostrare l’importanza della prevenzione ci sono i dati del Sert di Vercelli a cui ogni anno si rivolgono ben 600 ragazzi tra i 25 e i 35 anni. Solo nell’ultimo anno, il servizio competente sta curando, attraverso una terapia farmacologia sostitutiva 250 giovani, che hanno consumato sostanze stupefacenti, soprattutto eroina e cocaina. Ma negli ultimi anni, la tendenza delle droghe consumate dei giovani che si rivolgono al Sert, è cambiata: spuntano anche le nuove sostanze chimiche, come anfetamine, exstasy e popper.