A Verona si fa prevenzione al disagio

Arriva a Verona WeFree, addicted to life, il nuovo progetto nazionale di prevenzione dalla tossicodipendenza realizzato dalla comunità di San Patrignano, Wind e MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) e lo fa portando in scena lo spettacolo “Ragazzi Permale”, il 30 novembre presso il l’Auditorium Gran Guardia in Piazza Bra alle ore 10,30.

La tappa si svolge con la collaborazione dell’Assessorato ai Servizi Sociali e alla Famiglia insieme all’Associazione Agaras (Associazione Genitori Amici dei Ragazzi di San Patrignano) che hanno aderito anche al progetto di formazione nato nell’ambito della campagna WeFree per offrire al personale scolastico conoscenze necessarie ad individuare ed affrontare fenomeni di disagio. L’incontro sarà tenuto da Gianpaolo Brusini, Tossicologo e Responsabile Scientifico di San Patrignano, presso il Liceo Statale Montanari in Vicolo Stimate, 4 il 30 novembre dalle ore 14.00 alle 16.00. A tutti i docenti presenti verrà consegnato il cd rom “Tema in classe: la droga”, il learning object realizzato dalla Comunità.

Lo spettacolo prevede una partecipazione di oltre 700 studenti delle scuole superiori della città. “L’abbiamo scelta perché è un tipo di comunicazione efficace” ha spiegato Stefano Bertacco, Assessore ai Servizi Sociali e alla Famiglia. “A Verona il problema del disagio giovanile è molto sentito, basti pensare che i casi di affidamento minorile sono il doppio della media ragionale. Il che ci dovrebbe portare a riflettere su come il problema sia più radicato di quanto sembri”.

“Ragazzi Permale” affronta i comportamenti a rischio legati a consumo di droghe e disagio giovanile nelle sue tante sfaccettature. La formula comunicativa è quella del dialogo alla pari, “peer to peer”, dove a parlare ai ragazzi delle scuole ci sono altri giovani: Tiziano e Alessandro, ormai alla fine del loro percorso di recupero in comunità. Ad accompagnare i ragazzi in scena, in un percorso narrativo lontano da retorica e moralismi, vi sarà il conduttore Francesco Apolloni. Scrittore, regista e attore, Apolloni ha all’attivo la realizzazione di film, documentari e campagne sociali. Tra gli ultimi lavori come attore la Fiction Rai “Ma il cielo è sempre più blu” su Rino Gaetano e “Scusa ma ti voglio sposare”, trasposizione cinematografica dell’ultimo successo di Federico Moccia”.

Le attività di prevenzione WeFree continuano il progetto Drugs Off che dal 2005 ha portato i suoi spettacoli in giro per l’Italia realizzando oltre 200 tappe, incontrando quasi 150.000 studenti e ottenendo il riconoscimento della società di ricerca Millward Brown secondo la quale tra l’80 e il 99% dei ragazzi tra i 14-20 anni che hanno assistito agli spettacoli li considera “coinvolgenti, attuali, informativi, originali, attuali, seri e piacevoli…”.

Ma oltre che a scuola, il dialogo può proseguire anche sul web grazie al sito www.wefree.it, dove è possibile trovare i blog dei protagonisti degli spettacoli, discutere, lasciare commenti e chiedere aiuto. Una community virtuale che ogni mese riceve circa 10.000 contatti.