WeFree, un dibattito contro la droga alla media Marvelli

Un incontro tra i ragazzi di San Patrignano e gli studenti per parlare delle dipendenze e della fatica di crescere.

Ragazzi al termine del percorso di recupero in Comunità che hanno scelto di raccontare le loro storie a studenti solo di pochi anni più giovani.
Torna a Rimini la campagna di prevenzione WeFree di San Patrignano.
Questa volta tocca agli studenti di terza media dell’istituto comprensivo “Marvelli”, che la mattina di giovedì 15 gennaio potranno ascoltare le storie di Melita, Damiano ed Eleonora.
Due incontri di due ore ciascuno in cui, dopo il racconto delle loro esperienze, i ragazzi del gruppo WeFree avvieranno un dialogo con gli studenti, rispondendo a domande e approfondendo i temi proposti dalla platea.
Saranno complessivamente circa 180 gli studenti di sette classi del “Marvelli” che, nell’ambito del progetto “Educazione alla cittadinanza e alla legalità”, parteciperanno a Rimini all’evento del progetto WeFree. Sostenuto da Fondazione Ania e QN, WeFree dal 2002 ha sviluppato i propri format teatrali di prevenzione in oltre 400 tappe, con la partecipazione e il coinvolgimento attivo di più di 230 mila ragazzi nelle scuole medie e superiori. Non è facile raccontarsi, ma attraverso il progetto WeFree i ragazzi della Comunità provano a trasmettere agli studenti la loro esperienza per evitare che altri commettano gli stessi errori. Il racconto crea un dialogo speciale con gli studenti, un passaggio di esperienze che può aiutare a comprendere la falsa illusione venduta dalla droga e a condividere le insicurezze e le incertezze che ogni adolescente sperimenta.
Il dialogo può proseguire anche sul web grazie al sito www.wefree.it.

comunicati