#carigenitori: il racconto dei genitori ai genitori

Un buco nero, un abisso, un incubo, un inferno. Sono queste le parole che i genitori e parenti di ragazzi e ragazze tossicodipendenti usano per descrivere cosa gli sta succedendo. Una lotta quotidiana contro i sensi di colpa, le bugie, la paura. Che non ti abbandona più, anche quando riesci a salvare la persona che ami da questo tormento.

I genitori arrivano quasi sempre impreparati, nessuno di loro è pronto ad accettare di avere un figlio che si rifugia nella droga per colmare i suoi vuoti, le sue fragilità, la sua difficoltà a creare relazioni con gli altri o a fare i conti con sé stesso.

Così, quando arrivano a San Patrignano, i genitori  hanno gli occhi lucidi e  lo sguardo disilluso di chi pensa che sia troppo tardi. Invece no, cari genitori, non è mai tardi per aiutare chi amate e cominciare accanto a loro un percorso che vi porterà a cambiare pelle.

Si può sbagliare e imparare dagli errori, si può pensare di non farcela e invece ricominciare a vivere.

#carigenitori è il racconto dei genitori che hanno i figli a San Patrignano, ai genitori che vivono il dramma della droga.

 

500 nuove famiglie l’anno possono contare su un aiuto gratuito per i loro figli.
San Patrignano ogni giorno da 40 anni salva le vittime della droga.

Sostienici anche tu. Dona ora