Il metodo di recupero

Il Metodo di Recupero di San Patrignano

Un percorso educativo

Il percorso terapeutico è essenzialmente educativo e riabilitativo. La persona non viene considerata affetta da una “malattia” e non vengono, quindi, utilizzati trattamenti farmacologici per la dipendenza. Sono invece attuati interventi psicoterapeutici e/o psichiatrici, qualora siano ritenuti necessari per trattare problematiche individuali specifiche.

Programma individuale

Il programma di recupero è personalizzato e varia a seconda delle diverse caratteristiche e necessità di ogni singolo individuo. Non esistono quindi step terapeutici rigidi, né temporalmente definiti. Tuttavia, considerate le problematiche e la necessità di un cambiamento radicale della persona, si tratta di un programma di recupero residenziale a lungo termine. La durata minima è di tre anni.

L’importanza del gruppo

Quando un ragazzo entra in comunità, viene inserito in uno dei settori di formazione in cui San Patrignano è suddivisa. Qui è affidato a un ragazzo che diventa suo tutor e che nel primo anno di comunità (tempo variabile da ragazzo a ragazzo) lo segue costantemente nel suo percorso. Il ragazzo vive in stanza assieme al tutor e ad altri ragazzi. Ogni stanza ha un suo responsabile, così come ogni settore ha uno o più educatori di riferimento. Sono principalmente questi i gruppi con cui il ragazzo vive la quotidianità in comunità.

Le tappe del percorso

La crescita della persona avviene attraverso il confronto quotidiano con i compagni e i responsabili di settore (educatori professionali). Attraverso il confronto emergono le criticità e le fragilità dell’individuo, che vengono di volta in volta analizzate ed affrontate. Ad ogni ragazzo, durante il percorso, sono affidate via via maggiori responsabilità, sia nella vita del suo settore di appartenenza che nelle numerose attività che svolgono in comunità (attività sportive, artistiche, culturali). Col passare del tempo egli stesso diviene tutor di un’altra persona bisognosa di aiuto. In questo modo gli ospiti della comunità recuperano, giorno dopo giorno, il piacere di sentirsi utili a sé stessi e agli altri, sperimentando nuove forme di gratificazione, alternative e opposte a quelle illusorie offerte dalle droghe. Le regole di vita in comunità altro non sono che quelle di una civile convivenza, nel rispetto di se stessi, degli altri e dell’ambiente.

Formazione e studio

San Patrignano presenta oltre 50 settori di vita e formazione, dove i ragazzi vengono inseriti in base alla disponibilità di persone che possano affiancare il nuovo entrato e in base alla sua propensione. Imparare al meglio una professione consente ad ogni ragazzo di crescere nell’autostima e nei rapporti interpersonali. E’ inoltre una chiave d’accesso per reinserirsi a pieno titolo nella società. Parallelamente ad ogni ragazzo viene data la possibilità di riprendere gli studi abbandonati in passato ad ogni livello e grado scolastico.

Rapporto con la famiglia

Durante il percorso si cerca anche di ricostruire il rapporto fra il ragazzo e la sua famiglia. Inizialmente è previsto un distacco, ad eccezione di una corrispondenza epistolare. Alla famiglia è consigliato di seguire un percorso parallelo a quello del figlio frequentando una delle associazioni presenti in tutta Italia legate a San Patrignano. Dopo circa un anno (dipende dal ragazzo) la famiglia può fare la prima visita in comunità. Incontri che poi diventano tre o quattro all’anno. Dopo i primi tre anni circa il ragazzo tornerà per la prima volta a casa per circa dieci giorni.