Beve il 63 % degli adolescenti

Proprio per invertire questo preoccupante fenomeno, il Comune di Roma ha siglato un protocollo d’intesa con il Silb Confcommercio e la Confesercenti che prevede, tra l’altro, il divieto di vendita agli under 16. Analogo giro di vite è stato adottato a Monza e Milano.
Secondo la ricerca, il 42% dei ragazzi e il 21% delle ragazze che bevono sino a ubriacarsi ha meno di 18 anni. Sono piu’ numerosi dei 19-24enni che si sbronzano (il 19% dei maschi e il 9% delle femmine) e dei meno giovani, quelli oltre i 25 anni (il 7,5 % dei maschi ed il 5,5% delle femmine). A dimostrazione che con l’età si mette giudizio. In generale, quasi 9 giovani italiani su 10 in discoteca o nei locali non smettono di bere finché non sono sbronzi.

Aumentano fra i minorenni i policonsumatori: in una sola serata bevono birra, whisky, gin e tequila. Si esagera con le bevande ad alta gradazione, senza disdegnare il vino, che torna di moda nello sballo del fine settimana. A preferirlo sono soprattutto le giovanissime, che lo abbinano ai superalcolici.

Nella movida dei teenager, che nella prima serata si riuniscono spesso all’aperto, affollando le piazze delle citta’, si diffonde la moda del ‘butellon’. E’ la damigiana costituita dal vino e dalle bevande alcoliche e superalcoliche a piu’ basso costo, che in Spagna domina le serate dei giovani da almeno cinque anni. Si consuma collettivamente, secondo una ritualita’ che ha molte analogie con quelle dell’uso di droghe, sottolinea l’indagine.

A favorire la diffusione dell’alcol anche fra i minorenni, secondo l’analisi dell’Osservatorio nazionale, e’ proprio l’accresciuta disponibilita’ e accessibilita’ delle bevande, complici l’abbassamento dei prezzi in occasioni come gli ‘happy hour’, la pubblicita’ e le strategie di marketing.

in_evidenza comunicati