Cani da vita. Packcenter sostiene la pet-therapy col Sanpa dogs

Packcenter e San Patrignano di nuovo insieme per il progetto «Cani da vita», a sostegno delle attività di pet-therapy svolte nelle scuole dai ragazzi della Comunità.

Si chiama “Cani da Vita” il nuovo progetto che lega Packcenter e San Patrignano, attraverso il quale verranno destinati al settore Canile della Comunità fondi per acquistare due cani per la pet-therapy. Da settembre a dicembre sarà infatti possibile acquistare i prodotti dell’attività “Promo e Solidarietà” presso le centinaia di punti vendita delle catene di distribuzione clienti di Packcenter, destinando una parte del ricavato alla Comunità e alle sue attività di prevenzione. Un progetto di grande valenza sociale che porta dei benefici in quanto intervento assistenziale per i malati a lunga degenza presso il Centro Medico di San Patrignano, bambini delle scuole elementari e medie, bambini del centro estivo, i minori ospitati a San Patrignano e verso gli ospiti delle case di riposo.

Il canile è stato ribattezzato Sanpa Dogs e svolge numerose attività: pensione, mantenimento, cura e tolettatura, educazione di base, puppy class e pet therapy. I ragazzi di San Patrignano insieme ad un team di educatori ed esperti conducono un ricco programma di progetti.

Grazie ai corsi e ai tanti seminari promossi, i ragazzi possono sviluppare una professionalità legata al mondo animale, utile al loro reinserimento. Il SanPa Dogs assolve anche una funzione chiave al fianco di onlus impegnate nelle adozioni di cani abbandonati o che vivono situazioni di forte disagio.

“Packcenter ha da sempre avuto una attenzione al sociale – afferma Maurizio Gaffeo, Amministratore Delegato Packcenter – tutte le volte che se ne è data la opportunità, abbiamo tentato di coniugare l’attività aziendale con progetti e iniziative di utilità sociale. In coerenza con questa nostra propensione, da tre anni abbiamo la fortuna di collaborare con San Patrignano dando una mano all’importantissimo lavoro che la Comunità svolge. È per me importante – continua Gaffeo – sottolineare come, insieme all’orgoglio di aver fatto qualcosa per i ragazzi di San Patrignano, l’opportunità di toccare con mano e vedere con i nostri occhi il lavoro che fa la comunità, è stato di  grande valore per ciascuno di noi in Packcenter”.

Che il rapporto di infinita tenerezza tra uomo e cane potesse curare il male di vivere lo aveva capito Vincenzo Muccioli che ha voluto fortemente a San Patrignano la presenza di un canile dove i ragazzi potessero accudire gli animali, affezionarsi a loro e riuscire empaticamente ad appartenersi l’uno all’altro. Accudirli, nutrirli, coccolarli, ci fa sentire vivi, utili, responsabili, capaci di amare e di essere amati in modo gratuito.

Il progetto Pet Therapy è nato nel 1997, portando un importante beneficio ai pazienti a lunga degenza presso il Centro Medico di San Patrignano. Oggi il progetto si svolge nelle scuole ed è indirizzata a ragazzi diversamente abili; al contempo la Pet-Therapy incide sulla vita dei ragazzi della Comunità, precisamente su due aspetti: quella operativa (devo rispondere delle conseguenze di ciò che faccio o non faccio) e quella di custodia (da me dipende qualcun altro).

“Siamo lieti che vengano destinati dei fondi ai Sanpa Dogs – ha commentato Gianni Fornari, responsabile del canile di San Patrignano– aumentando i cani utilizzati per la Pet-Therapy possiamo dare maggiori opportunità sociali, sia ai nostri ragazzi che ai ragazzi delle scuole”.