Disagio giovanile, San Patrignano in Valmalenco

Di cosa parliamo quando si affrontano parole come disagio giovanile, prevenzione e dipendenze?.

I temi saranno sviscerati questa sera alle 21 presso il palazzetto comunale di Chiesa, durante una serata patrocinata dall’Unione dei Comuni lombarda della Valmalenco che rientra nell’ambito di una serie di incontri rivolti alla cittadinanza dal titolo “Autunno della solidarietà in Valmalenco”.

In quest’occasione avrà il ruolo di portavoce di San Patrignano, Federico Samaden, responsabile nazionale della rete associazioni della Comunità affiancato da Marisa Pozzoni, presidente del nucleo associativo di Sondrio.
Il confronto aperto sul disagio giovanile condurrà all’esperienza di San Patrignano come concreta risposta al problema della tossicodipendenza, con una spiegazione specifica sulle modalità di intervento a cui farà seguito un approfondimento sul metodo di recupero e relativi risultati.
Coprotagonista dell’iniziativa è l’associazione Amici di San Patrignano di Sondrio che al pari di altre realtà diffuse capillarmente su tutto il territorio italiano fa da passaggio intermedio a chi rivolge una richiesta d’aiuto alla Comunità. L’incontro si rivolge in maniera particolare alle famiglie con figli dai 14 ai 20 anni ma è aperto a tutti ad ingresso gratuito.