Dopo tre anni di attesa Raphael Gualazzi conquista San Patrignano

A parlare è Raphael Gualazzi, cantante italiano arrivato ai WeFree Days di San Patrignano direttamente da Londra per confrontarsi con gli studenti di tutta Italia giunti a questa due giorni di prevenzione. “Erano tre anni che la Comunità lo invitava e pensate che quest’anno è stato lui stesso a chiamarci per dirci che finalmente era libero e sarebbe venuto da noi”, ha spiegato la conduttrice radiofonica Tamara Taylor che ha moderato l’incontro che il cantante ha fatto con gli studenti . Una visita fortemente voluta dal cantante che durante la mattina ha visto lo spettacolo di prevenzione di San Patrignano: “Volevo conoscere questo posto ed è stata un’esperienza fantastica. Ho fatto davvero bene a partecipare. Lo spettacolo è una testimonianza molto efficace”.

Vincendo la sua riservatezza poi Raphael si è raccontato con piacere ai ragazzi: “Le passioni sono importanti nella vita e io ho scoperto la mia a 14 anni. Avevo iniziato a suonare il piano a 9 anni, ma gli esercizi erano molto noiosi e ho avuto qualche alto e basso con la musica. Poi però ho iniziato il conservatorio e a 20 anni ho iniziato a scrivere i mie primi brani”. Molto importante per lui aver avuto al suo fianco i genitori: “Mio padre era un batterista e aveva la casa piena di dischi, quindi sono cresciuto in mezzo alla musica. Quindi è stato più facile per loro accettare la realtà quando gli ho detto che da grande averi fatto il musicista. Un mestiere duro perché difficilmente riconosciuto, ma molto divertente”.

Video

Raphael Gualazzi