Ecco i numeri del nostro impegno

Ragazzi in percorso, ingressi, reinserimenti: i diritti umani abitano qui.

Nello scorso mese purtroppo, abbiamo assistito a polemiche dettate dalla decisione unilaterale di portare via dal cimitero di San Patrignano la salma di Vincenzo Muccioli, fondatore e anima della Comunità. Ragazzi e volontari non hanno voluto partecipare a questo triste momento, sebbene lo spirito e gli ideali di Vincenzo non lasceranno mai l’opera che lui ha creato e difeso fino all’estremo sacrificio. Nessuno di noi, né tantomeno io che l’ho conosciuto e a cui devo tanto, ha voluto essere presente. I responsabili di San Patrignano, in una nota pubblicata anche sul nostro sito,
hanno riconosciuto, seppur con grande amarezza, il pieno diritto dei familiari a questo gesto. Non ci sono commenti da fare. Credo che il modo migliore per raccontarci, a 18 anni dalla scomparsa di Vincenzo, sia far parlare i i numeri, che in questo caso contano molto di più delle parole. Oggi la popolazione di San Patrignano è di 1.396 persone. Di queste, a parte operatori, volontari e bambini, sono 1.175 i ragazzi in percorso, di cui 952 maschi con un età media di 29 anni e 223 ragazze (età media 26); più giovani, quindi, ed è questo il motivo per cui la Comunità ha lanciato una campagna di raccolta fondi dedicata a mamme e ragazze minorenni in Comunità. Nei primi tre mesi del 2013 sono entrati a Sanpa, in seguito a un colloquio, 113 ragazzi.
Anche il bilancio dell’anno passato, in termini di ingressi e reinserimenti nella società, è stato estremamente positivo e descrive la vitalità e la forza di una realtà che, nei suoi limiti e in modo totalmente gratuito, cerca di dare il suo contributo alla nostra società. Gli ingressi, sempre nel 2012, sono stati 418 (343 maschi e 75 donne). Notevole anche il numero dei ragazzi accolti con misure alternative al carcere: attualmente sono 120 di cui 36 entrati nel corso del 2012. A fronte di questo impegno nell’accoglienza e nell’offrire un vero percorso di recupero, 372 ragazzi hanno iniziato la fase del reinserimento e 223 l’hanno conclusa l’anno scorso rientrando nelle loro famiglie con un posto di lavoro concordato con gli operatori della Comunità. 95 ragazzi, inoltre, sono stati inseriti in percorsi scolastici e universitari nel Centro studi.
Tra breve la Comunità fornirà i dati economici che dimostrano, sempre per l’anno scorso, un notevole risparmio nei costi di una realtà che ha bisogno del sostegno di tutti. Sul retro della copertina sono presenti le informazioni per poter contribuire, attraverso il 5 per mille, a San Patrignano, comunità di vita contro l’emarginazione. in_evidenza