Fughe da Fermi a Trento

Sul palco del teatro Santa Chiara di Trento si è svolta la rappresentazione di Fughe da Fermi. Seduti in platea c’erano oltre seicento studenti provenienti da vari istituti della zona. Questa tappa trentina è stata realizzata grazie alla collaborazione con il Comune di Trento, il Dipartimento dell’Istruzione della Provincia Autonoma di Trento, il Centro Culturale Santa Chiara e il Centro 2you contro la dispersione scolastica.

L’iniziativa è stata fortemente voluta da chi ha collaborato all’organizzazione, visti i dati sulla droga della provincia di Trento: secondo lo studio Espad nella provincia di Trento, il consumo di cannabis riguarderebbe il 25,5% dei ragazzi tra i 15 e i 19 anni, quello di cocaina il 3,5%, ecstasy e stimolanti il 2,5% ed eroina l’1,3%. 12.500, complessivamente, gli studenti del Trentino Alto Agide che hanno fumato cannabis almeno una volta, di cui oltre 6mila solo nella provincia trentina.

Preoccupanti anche i dati riguardanti l’accesso ai Servizi pubblici per le tossicodipendenze (Sert): sono 976 le persone in trattamento nella Provincia Autonoma di Trento. L’utenza è in aumento e la proporzione tra i due sessi vede prevalere i maschi (l’81,6% contro il 19,4% donne). La sostanza stupefacente più utilizzata resta l’eroina (85%), anche se aumentano le persone che chiedono un trattamento per dipendenza da cocaina (4%) e da cannabinoidi (7%). Inoltre oltre la metà (52,8%) utilizza più di una sostanza e questo è il dato più significativo. L’età media di prima assunzione varia a seconda del tipo di droga consumata: 17 anni per la cannabis, 20 per gli oppiacei e 21 per la cocaina.