Un maestro di strada a Sanpa

«Un luogo educativo importante a livello nazionale e oltre, con una forte identità tramessa dal suo fondatore ed evolutasi nel corso degli anni per rispondere all’emergenza della droga».
Queste sono le impressioni a caldo di Marco Rossi Doria, insegnante e pedagogo, durante la giornata trascorsa a San Patrignano.
Nominato Maestro di strada d’Italia dal ministro Luigi Belinguer nel 1994, Rossi Doria ha una grande esperienza nel mondo della scuola e dell’istruzione, soprattutto elementare, alla quale si è dedicato dagli anni ’80 a Torre Annunziata e nei Quartieri Spagnoli di Napoli, ma anche negli Stati Uniti (Richmond California) e in Kenia.
Rossi Doria è stato chiamato, per la sua esperienza, a ricoprire ruoli istituzionali: tradizione e innovazione sono i binari sui quali si è mosso, portando un contributo di esperienza sul campo anche nel governo, come sottosegretario all’ Istruzione, sia con Monti che nel successivo governo Letta. Con il libro ‘Di mestiere faccio il maestro’ è stato finalista al Premio Viareggio ed è anche coautore del più recente ‘La scuola deve cambiare’. «Ho insegnato nelle scuole primarie in Italia e all’estero e perciò ho esperienza diretta di più modelli di scuola – scrive nel suo blog – e ho fatto l’educatore sociale mentre facevo l’insegnante, imparando a riconoscere, nel concreto, che apprendere è cosa ben più larga di imparare a scuola”». L’ex sottosegretario si batte da sempre per quello che chiama “apprendimento diffuso” a diretto contatto con le cose del mondo, e per una scuola che insegni a “sapere e saper fare”. «L’impressione che mi sono fatto – ha detto Rossi Doria, dopo la visita svolta insieme ad alcuni collaboratori il 23 gennaio nella Comunità di San Patrignano – è fortemente positiva, dal punto di vista educativo ma anche da quello della potenza produttiva e della formazione.
Per me è un luogo di sviluppo che contribuisce alla ricchezza nazionale. Sanpa fa imparare dei mestieri e delle competenze spendibili nel corso della vita». Un altro elemento su cui si è soffermato Doria è «la grande presenza di uno spirito comunitario, che traspare dai rapporti tra le persone e dalle cose che vengono fatte. Non è un luogo dell’attesa ma un luogo della partecipazione». Rossi Doria, accompagnato dal coordinatore delle associazioni di Sanpa, Federico Samaden, ha incontrato i ragazzi della Comunità e visitato alcuni settori di formazione professionale.