Il San Patrignano Running Team alla Maratona dell’Acqua

Il San Patrignano Running team continua ad allenarsi in vista della sfida di New York.
Una squadra che si allarga sempre più, seguita dal dottor Gabriele Rosa

Una Comunità che continua ad andare “Oltre il traguardo”.
Il San Patrignano Running Team dopo aver conquistato New York lo scorso anno correndo la maratona della Grande Mela, porta avanti il suo progetto “Oltre il traguardo” legato alla corsa, sostenuto da Banca Carim, Italstudio, Cimberio, Rosa Associati e lo sponsor tecnico Kappa.

Il running come sport individuale per riuscire a superare i propri limiti e tornare ad un corretto stile di vita.

A guidare la squadra nei suoi allenamenti e nel cammino di preparazione alle gare è il dottor Gabriele Rosa, già allenatore di campioni di livello mondiale e alla guida della Rosa Associati.
«Alla quindicina di ragazzi che hanno già partecipato all’esperienza dello scorso anno se ne sono aggiunti altri e la volontà è quella di portarli alle maratone di Londra e a New York.

Il progetto lo scorso anno ha rispettato tutte le aspettative, permettendo di far crescere i ragazzi, portandoli a terminare una intera maratona e allo stesso tempo facendo conoscere sempre più il grande lavoro che porta avanti la Comunità.
Ora vogliamo estendere sempre più questa attività all’interno della realtà riminese coinvolgendo anche i ragazzi che non hanno intenzione di misurarsi in competizioni. La volontà è quella di riuscire a spingerli verso uno stile di vita il più sano possibile».

Proprio in preparazione al grande evento, la Squadra della Comunità prenderà parte questo weekend alla maratona dell’Acqua.
A guidarla, il responsabile terapeutico di San Patrignano, Antonio Boschini: «Partecipare alla maratona di New York ci costringe per nostra fortuna a seguire un programma di preparazione che ci porta a correre meravigliose maratone sul territorio italiano fra cui questa sul lago d’Iseo.

Già lo scorso anno siamo stati presenti e con piacere abbiamo rinnovato la nostra partecipazione. I nostri ragazzi stanno portando avanti questo impegno con una passione che risulta essere davvero contagiosa per i nuovi che entrano a far parte della squadra. Siamo sempre più sicuro che la corsa sia un importante e decisivo strumento per favorirne la loro crescita».