San Patrignano a UNGASS 2016

Ungass 2016 - San Patrignano

San Patrignano a UNGASS 2016 a New York.

UNGASS 2016, si tratta di una pietra miliare verso gli obiettivi fissati nel documento del 2009 “Dichiarazione politica e piano di azione sulla cooperazione internazionale verso una strategia integrata ed equilibrata per contrastare il problema mondiale della droga”, che aveva definito le azioni da intraprendere da parte degli Stati membri così come gli obiettivi da raggiungere entro il 2019.

Alla 59 sessione della Commission on Narcotic Drugs- CND in marzo è stato elaborato il documento conclusivo “Il nostro impegno comune per affrontare efficacemente e contrastare il problema mondiale della droga”, trasmesso all’Assemblea generale dell’Onu e la cui adozione è stata raccomandata alla seduta plenaria di UNGASS 2016 (E/CN.7/2016/L.12/Rev.1*).

Elisa Rubini, in rappresentanza della delegazione della Comunità San Patrignano a UNGASS insieme a Monica Barzanti, responsabile delle relazioni internazionali, ha illustrato l’esperienza della Comunità nell’offrire percorsi efficaci di recupero in alternativa alla detenzione per coloro che hanno commesso reati legati alla droga, in un intervento congiunto con gli amici della Comunità Papa Giovanni XXIII.

Prevenire, non promuovere.

E’ la campagna promossa da numerose organizzazioni che supportano le convenzioni internazionali Onu sulle droghe, tra cui San Patrignano, e chiedono politiche di salute e sicurezza pubblica centrate sulla prevenzione dell’ uso di droghe e dei problemi legati ad esse.

La campagna è coerente con i principi di Drug Policy Futures, basati sulla convinzione che politiche globali sulle droghe dovrebbero prevenire l’uso della droga, rispettare i diritti umani e il principio di proporzionalità, trovare un equilibrio di forze per ridurre l’uso di droghe e la disponibilità di esse, proteggere i bambini dall’uso di droga, assicurare accesso al soccorso, al trattamento medico e a servizi di recupero, fornire accesso controllato alle droghe per finalità medico-scientifiche legittime, assicurare che le risposte mediche e giudiziari siano coordinate con gli obiettivi di ridurre l’uso di droghe e le loro conseguenze.
La campagna è promossa da una partnership di oltre 300 organizzazioni in tutto il mondo, impegnate per una politica sulle droghe focalizzata sulla prevenzione della dipendenza e dell’uso di droga.
Alternative? Sì! Legalizzazione? No.

Leggi il documento di Aprile 2016 che riassume la strada verso una politica globale sulle droghe in preparazione della Sessione speciale UNGASS.

Leggi come gli scienziati in tutto il mondo hanno lanciato un appello comune per diffondere consapevolezza sui danni della cannabis.

Il seguente documento di Drug Policy Futures riassume altri aspetti della posizione di San Patrignano e dei suoi partner (in inglese): http://drugpolicyfutures.org/wp-content/uploads/2013/12/ENG-final.pdf